Europa League: la finale è Atletico Madrid-Marsiglia, sarà Simeone contro Garcia

0

Nel ritorno delle semifinali i colchoneros piegano 1-0 l'Arsenal (1-1 a Londra), Diego Costa rende amara la 250esima panchina europea di Wenger (grave infortunio a Koscielny). Il gol di Rolando nei supplementari porta a Lione i francesi dopo che il Salisburgo aveva pareggiato il 2-0 dell'andata (Haidara e autogol di Sarra)

ROMA – Atletico Madrid e Olympique Marsiglia si contenderanno l'Europa League nella finale in programma il 16 maggio a Lione. E' questo il verdetto scaturito dalle gare di ritorno delle semifinali, che hanno visto i colchoneros piegare l'Arsenal 1-0 al Wanda Metropolitano di Madrid (rete decisiva di Diego Costa al 47′ pt) dopo che all'andata a Londra le due squadre avevano pareggiato per 1-1, mentre la formazione francese si è qualificata nonostante la sconfitta in casa del Salisburgo, per 2-1 dopo i tempi supplementari, con la rete determinante di Rolando nei supplementari dopo che nei tempi regolamentari i padroni di casa con Haidara e l'autogol di Sarra avevano pareggiato il 2-0 per gli uomini di Garcia del primo match.

 ARSENAL KO, TERZA FINALE PER L'ATLETICO MADRID – Terza qualificazione alla finale di Europa League per l'Atletico Madrid dopo i trionfi nel 2010 e nel 2012. Dopo l'1-1 di Londra, al Wanda Metropolitano la squadra di Diego Pablo Simeone – in tribuna perché squalificato per gli insulti all'arbitro nella gara d'andata dopo l'espulsione di Vrsaljko – ha superato di misura l'Arsenal, in quella che è stata l'ultima gara europea di Arsene Wenger (250esima gara Uefa da allenatore) alla guida dei Gunners. Il gol qualificazione dei padroni di casa èarrivato al secondo minuto di recupero del primo tempo, quando Griezmann ha servito con un assist filtrante Diego Costa che in velocità ha preso il tempo a Bellerin e con il sinistro ha messo sotto la traversa, a tu per tu con Ospina in uscita. Nella ripresa partita divertente con occasioni da ambo le parti: per l'Atletico Madrid palle gol dei già citati Diego Costa e Griezmann neutralizzate da interventi provvidenziali del difensore Chambers, mentre per l'Arsenal ci hanno provato Xhaka e Mikhitaryan con conclusioni dalla distanza.

DIEGO COSTA: "MERITIAMO NOTTI COSI'" – "Sapevamo che i nostri tifosi ci avrebbero dato tutto, sono sempre stati vicini a noi e si vede anche in campo. Siamo contenti di questa finale, era importante raggiungerla, l'Atletico ha bisogno di notti come questa perché siamo una grande squadra". Così Diego Costa commenta la vittoria dei colchoneros sull'Arsenal che vale il pass per la finale di Europa League del 16 maggio a Lione. A decidere un gol dell'ispano-brasiliano, con la collaborazione di Griezmann. "Con Antoine sto benissimo in campo, lottiamo insieme – aggiunge Diego Costa ai microfoni di Sky – ma anche i difensori hanno fatto una grande partita, tutti i miei compagni hanno dimostrato quello che sanno fare".

WENGER: "MOMENTO TRISTE, NEI 180′ MEGLIO NOI" –  "Non è un bel momento, sono molto triste questa sera ma è andata così, dobbiamo andare avanti, queste partite possono essere crudeli". Arsene Wenger è amareggiato dopo la sconfitta con l'Atletico Madrid che mette fine alla sua ultima avventura europea con l'Arsenal. "Abbiamo giocato meglio stasera che all'andata, creando più occasioni, ma abbiamo sbagliato sia in area nostra che in area loro. Complimenti all'Atletico per essere arrivato in finale ma forse, nelle due partite, meritavamo noi di passare il turno. Nelle due partite ci sono stati tanti momenti decisivi – continua Wenger a Sky – e la qualità di una squadra si vede nella sua capacità di sfruttarli. All'andata abbiamo concesso un gol che non dovevamo concedere, oggi abbiamo perso un pallone stupido e Diego Costa è Diego Costa, uno dei migliori attaccanti al mondo". A tutto questo si aggiunge il grave infortunio di Koscielny: "crediamo si sia rotto il tendine d'Achille, le prime notizie non sono buone".

ROLANDO NEI SUPPLEMENTARI GELA SALISBURGO – A sfidare i colchoneros del Cholo sarà dunque il Marsiglia di Rudi Garcia. Alla Red Bull Arena il Salisburgo trascina la sfida ai supplementari ribaltando nei novanta minuti lo 0-2 dell'andata, ma al 116′ subisce il gol qualificazione dei francesi segnato da Rolando. Dopo un primo tempo bloccato, gli austriaci trovano due gol nel giro di dodici minuti: al 53′ Haidara sblocca il risultato battendo Pelè al termine di una travolgente azione personale, al 65′ Schlager raddoppia grazie anche alla deviazione di Sarr che inganna il portiere francese. Il Salisburgo crea anche l'occasione per il 3-0, ma Pelè è bravo a salvare la propria porta sulla conclusione ravvicinata di Hwang. E così nel finale emergeOAS_RICH(‘Bottom’); la maggiore qualità tecnica del Marsiglia, che sfiora il gol qualificazione con Thauvin e meriterebbe un rigore per un fallo di mano di Caleta-Car non visto dall'arbitro Karasev. Nei supplementari il Salisburgo ha un'altra grande occasione proprio con il centrale difensivo Caleta-Car, ma Pelè è ancora una volta reattivo. Al 116′ arriva così il gol qualificazione di Rolando, bravo a sfruttare un calcio d'angolo concesso per errore da Karasev.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.