MotoGp, Mugello: Iannone il più veloce nelle libere. Paura per Pirro dopo caduta a 350 km/h: “Ma domenica voglio esserci“

0

Il ducatista è stato trasportato all'ospedale di Careggi, le sue condizioni sono migliorate col passare dei minuti anche se non ricorda l'incidente. Vinales firma il secondo tempo. Rossi settimo, Dovi in crisi (12°)

SCARPERIA (FIRENZE) – Andrea Iannone il più veloce nelle libere di venerdì, ma negli occhi dei piloti e del pubblico del Mugello c'è solo l'impressionante incidente di Michele Pirro: il 32enne pilota di San Giovanni Rotondo è letteralmente volato dalla sua Ducati a quasi 350 kmh all'altezza della San Donato. Una caduta terribile dopo che erano trascorsi 17 minuti dall'inizio delle Fp2: Pirro è finito nella ghiaia a faccia in giù, incosciente. Le prove sono state immediatamente interrotte mentre calava un silenzio nero sul circuito: Michele tra mille precauzioni è stato prima trasportato al centro medico e poi – in elicottero – all'ospedale Careggi di Firenze dove sarà sottoposto ad una Tac cerebrale.

Le sue condizioni sono per fortuna migliorate con il passare dei minuti: la prima diagnosi parla di "un forte trauma cranico commotivo, toracico, addominale e lombare", oltre alla "sublussazione della spalla destra" che gli è stata subito ridotta. Sedato, il pilota ha gradualmente ripreso conoscenza: muove le gambe e parla, ma non ricorda – per il momento – quel che gli è accaduto. La sua situazione neurologica è giudicata "normale". Poi, dopo un ulteriore miglioramento: "Voglio uscire domani dall'ospedale. E correre al Mugello". Difficilmente il suo desiderio potrà essere esaudito.

OAS_RICH(‘Bottom’); "Pirro? Ho avuto abbastanza paura vedendo la caduta. Spero stia bene dopo l'incidente, gli auguriamo il meglio per il suo recupero". Così Valentino Rossi commenta l'accaduto. "Una giornata non male", aggiunge poi Rossi a proposito della sua moto. "Sia questa mattina sia oggi pomeriggio sono stato abbastanza veloce e mi sono trovato abbastanza bene con la moto. Il mio passo è buono e anche se ci sono tanti piloti che vanno forte. Ma come prime sensazioni sono positive ma dobbiamo lavorare perché ho ancora un po' troppo spin in uscita dalle curve. Ci sono un po' di problemi con la gomma davanti, la scelta non sarà facile". Conclude. "E poi domani mattina dovremo fare un bel time attack per stare nei dieci e vedere in qualifica nel pomeriggio".

TORNA ZARCO, SORRIDE MORBIDELLI – Iannone ha bissato nel pomeriggio la bella prestazione del mattino: miglior tempo finale (1'46"735) e anche un gran passo con la gomma soft posteriore. Dietro di lui un redivivo Vinales, 2° con la Yamaha ufficiale a 387 millesimi. Marquez c'è, accusa poco meno di un decimo di distacco dal connazionale e 483 millesimi da The Maniac. Riecco Zarco, che sembra essersi ripreso dalla delusione di Le Mans: il francese piazza la seconda Yamaha (questa però è la Tech3) a 630 millesimi.

La prima Ducati è quella "vecchia" di Miller, l'australiano del team Pramac che corre con la Gp17: 1'47"403, (-0'668), sufficienti a stare davanti ad un'Honda satellite – Crutchlow, team Lcr, 30 millesimi peggio – e soprattutto a Valentino, che con 1'47"445 è 7°. Subito dopo di lui ecco l'allievo prediletto: Franco Morbidelli con la sua Honda è protagonista di una bella giornata, finisce a 762 millesimi dal campione di Vasto. A completare la lista dei primi 10, due Gp18: la Rossa di Petrucci (-0'834) è davanti a quella di Lorenzo, che paga quasi un secondo di ritardo. Sorprendentemente indietro è Dovizioso, solo 12°: il forlivese insegue a 1 e 167 millesimi. Peggio di lui tra i top rider fa solo Pedrosa.

MARQUEZ CADE. DOVI, LA MOTO IN FIAMME – Nel pomeriggio è stata sventolata la bandiera rossa per 2 volte. Dovizioso ha rotto il motore della sua Gp18, la moto ha anche preso fuoco ma il forlivese – incolume – è riuscito ad evitare di compromettere il telaio della Rossa. Come al solito, è caduto Marquez: il campione del mondo in carica ha perso il controllo della sua Honda alla curva 4 ed è stato costretto ad usare la seconda moto.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*