Con Starslider tutti possono diventare cineoperatori

0
Quattro torinesi propongono su Kickstarter un supporto mobile per fotocamere e videocamere, controllabile a distanza con un’app per smartphone e tablet. Lo abbiamo provato: ecco come funziona

Marco Farmachidi, Giovanni Schirinzi, Michele Salamone, Gionata Fronduti: sono i quattro giovani freelance torinesi che hanno dato vita a Starslider, un dispositivo hi tech in grado di affiancarti nelle riprese video. Un cineoperatore artificiale e intelligente, semplice da utilizzare anche per i neofiti della videocamera. 

 

Starslider ha concluso brillantemente la campagna su Kickstarter, raccogliendo poco più di 75 mila euro su un obiettivo fissato a 60 mila. Anche se fosse fallita, la produzione del prototipo avrebbe visto la luce: «Grazie a Kickstarter abbiamo constatato un reale interesse del pubblico – afferma Giovanni, l’ingegnere del progetto – non è da escludere che ci proveremo ancora su un’altra piattaforma, questa volta senza l’obbligo di raggiungere la cifra richiesta». 

 

«Starslider è uno strumento modulare e flessibile, che coniuga uno slider per il movimento lineare della fotocamera o videocamera, e la possibilità di controllare l’oggetto nello spazio – spiega Schirinzi -. Sul mercato ci sono dispositivi simili, ma hanno un costo elevato: con Starslider offriamo uno strumento tecnologico e innovativo, al prezzo di 1600 euro circa, semplice da utilizzare con l’applicazione per iOS e Android anche per chi non ha mai usato una videocamera». 

 

 

Starslider è in grado di gestire fino a 5 keyframe preimpostati: l’algoritmo dell’app calcola poi l’interpolazione di questi, permettendo di seguire l’obiettivo e mantenerlo sempre a fuoco. Il dispositivo si monta in poco tempo, grazie a componenti che si collegano tra loro attraverso magneti, senza la necessità di utilizzare strumenti da bricolage. 

 

 

Il progetto è stato accolto nel programma di incubazione di Speed MI Up, «l’officina di imprese» dell’Università Bocconi di Milano. L’obiettivo sarà dunque puntare a un finanziamento per iniziare la produzione di Starslider, e implementare nuove caratteristiche di software e hardware. 

 

 

[ Fonte articolo:La Stampa ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*