Piazza Affari e spread in altalena

0
Condividi

di Paolo Gila 17 maggio 2018Giornata molto mossa per l’azionario italiano e soprattutto per i bond governativi. L’incertezza del quadro politico ha pesato soprattutto nella mattinata ma poi nel pomeriggio il clima si è rasserenato grazie al buon andamento di Wall Street, in leggero progresso anche in concomitanza con le chiusure delle contrattazioni in Europa.

Londra, Francoforte e Parigi hanno mostrato incrementi superiori al mezzo punto percentuale, compresi tra il +0,70% di Londra e il +0,98% di Parigi. Milano ha segnato in chiusura +0,29%. Lo spread che si era alzato a 158 punti base è sceso a 148, con il rendimento dei decennali italiani al 2 e 12%.

Vendite pesanti si sono scaraventate su alcuni titoli bancari come MPS e Ubi banca, che hanno perso rispettivamente il 9% e il 3%.

In forte acquisto invece gli industriali, come Recordati +7% e Pirelli +2%. Gli investitori hanno mostrato sensibilità e apprezzamento per gli energetici, con il petrolio Brent che si è portato oltre gli 80 dollari il barile.

Sul mercato dei cambi l’euro si è portato a quota 1 e 18 contro dollaro.

[ Fonte articolo: Rai News ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*