Nuova epidemia di ebola in Congo: oltre venti morti, già arrivate 4 mila dosi di vaccino

0
Il ministro della Sanità conferma un caso a Mbandaka, città di oltre un milione di abitanti situata a 130 chilometri dal centro in cui è stato osservato il primo focolaio

Ci sono stati già 42 casi, con 23 decessi con ogni probabilità correlati. Inizia a fare paura la nuova epidemia di ebola scoppiata nella Repubblica Democratica del Congo: la nona a partire dal 1976, anno in cui fu scoperta la famiglia di virus responsabili dell’epidemia di febbre emorragica che colpì il Sudan e lo Zaire (nome che allora aveva l’attuale Repubblica Democratica del Congo). I primi casi sono stati registrati a Bikoro, piccolo centro situato sul lago Tumba: nel quadrante nordorientale del Paese, che su quel versante confina con la Repubblica Centrafricana, il Camerun, la Guinea Equatoriale e il Gabon. Ma nelle ultime ore il ministro della Sanità Oly Ilunga Kalenga ha confermato il riscontro del primo caso a Mbandaka, città di oltre un milione di abitanti situata a 130 chilometri dal centro in cui è stato osservato il primo focolaio. Il «trasferimento» del virus preoccupa abbastanza. «Il passaggio in una grande città lascia supporre il prossimo aumento esplosivo dei casi», ha messo in guardia Peter Salama, vicedirettore generale dell’area emergenze dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, questa volta intervenuta in maniera tempestiva a supporto delle autorità sanitarie locali e delle organizzazioni non profit presenti sul territorio (tra cui Medici Senza Frontiere) per limitare la diffusione del virus. 

 

Spaventa l’arrivo del virus in una metropoli  

Ebola – che tra il 2013 e il 2016 ha determinato la morte di oltre undicimila persone principalmente in Sierra Leone, Liberia e Guinea, Nigeria, ma casi di infezione si sono registrati pure in Camerun, Ciad, Niger, Burkina Faso, Mali, Benin, Costa d’Avorio, Ghana, Togo, Congo, Repubblica Democratica del Congo, Gambia, Mauritania e Senegal – è tornato a fare paura dall’8 maggio: giorno in cui il governo della Repubblica Democratica del Congo ha annunciato la comparsa di un nuovo focolaio, a seguito della conferma giunta dai laboratori dell’Istituto di Ricerca Biomedica di Kinshasa giunta per due casi. L’ebola è endemica – ovvero costante e radicata, con periodici picchi di epidemia – nella Repubblica Democratica del Congo. L’ultimo focolaio si era verificato nel 2017 nella zona di Likati (a nord del Paese) e contenuto in maniera abbastanza tempestiva. Questa volta è l’arrivo del virus in un’area urbana a spaventare le autorità, dal momento che ebola si propaga in maniera molto rapida ed è accompagnato da un tasso di mortalità pari al cinquanta per cento (decede un infetto su due). Il virus, dopo il passaggio dall’animale selvatico all’uomo, si trasmette attraverso il contatto diretto con fluidi corporei o oggetti contaminati da fluidi corporei di persone malate. A maggior rischio sono gli operatori sanitari e il personale delle organizzazioni umanitarie non governative, che forniscono assistenza e cure mediche nelle zone colpite dall’infezione. 

 

Oltre 4000 dosi di vaccino già disponibili sul territorio  

La strategia subito approntata dalle autorità sanitarie prevede l’«inseguimento» del virus, l’identificazione dei contatti e l’interruzione della trasmissione. Gli operatori sanitari hanno già identificato 430 persone che potrebbero aver avuto contatti con l’agente eziologico e stanno lavorando alacremente per rintracciare oltre quattromila persone che con loro sarebbero già entrate in contatto. L’obiettivo è vaccinare questa seconda cerchia di persone, secondo la strategia definita «ad anello», che prevede che a essere immunizzate siano tutte le persone entrate in contatto con quelle che hanno appena ricevuto una diagnosi di infezione da virus ebola. Da ieri sono già disponibili sul territorio oltre quattromila dosi del vaccino sperimentale rivelatosi efficace nel contenere la diffusione della malattia nel corso della precedente epidemia di Ebola nell’Africa occidentale. La difficoltà nel somministrarlo riguarda soprattutto le aree periferiche: l’antidoto deve essere conservato a temperature comprese tra -60 e -80 gradi, ma la fornitura di energia elettrica nel Paese procede a singhiozzo e la moto è il mezzo più veloce per raggiungere Bikoro. La sua vicinanza ai confini non fa dormire sonni tranquilli, di fronte all’ipotesi che il virus inizi a circolare anche negli Stati limitrofi. 

 

Twitter @fabioditodaro  

[ Fonte articolo:La Stampa ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*