Iraq, Amnesty denuncia: donne legate a Isis stuprate nei campi profughi

0

La denuncia-shock si basa su 92 interviste con donne irachene, alloggiate in otto campi per sfollati tra le province di Ninive e Salahuddin, a nord di Bagdad

BAGDAD – Le donne sospettate di avere legami con lo Stato Islamico sono state vittime di violenza sessuale all'interno dei campi profughi in Iraq: la denuncia-shock arriva da Amnesty International e si basa su 92 interviste con donne irachene, alloggiate in otto campi per sfollati tra le province di Ninive e Salahuddin, a nord di Bagdad. E non basta: perchè secondo Amnesty, le donne e i bambini legate all'Isis sono stati privati anche degli aiuti umanitari ed è stato impedito loro di tornare alle proprie case.

Il rapporto descrive la situazione di migliaia di famiglie lasciate a difendersi da sole dopo che gli uomini  – combattenti o affiliati dello Stato islamico – sono stati uccisi, arrestati arbitrariamente o spariti durante la fuga da Mosul. "Le donne sono state costrette ad avere apporti sessuali in cambio di denaro, aiuti umanitari e protezione da parte di altri uomini", si legge nel rapporto. Quattro donne hanno riferito ad Amnesty di aver assistito a uno stupro o di aver udito le urla di donne che venivano aggredite da uomini armati,OAS_RICH(‘Bottom’); membri dell'amministrazione del campo o da altri residenti.

"Donne e bambini con legami sospetti con l'Isis sono puniti per crimini che non hanno commesso", ha dichiarato Lynn Maalouf, capo del dipartimento di ricerca per il Medio Oriente di Amnesty.
 

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*