Il consigliere regionale siciliano Giuseppe Gennuso è stato arrestato con l’accusa di voto di scambio

0

//pagina – mobile if (document.documentElement.clientWidth<780) (function(scripts,src){for(src in scripts)document.writeln('’)})([‘https://www.ilpost.it/wp-content/themes/ilpost/js/s24.box.js?5.162’]);

Il consigliere regionale siciliano Giuseppe Gennuso è stato arrestato lunedì sera con l’accusa di voto di scambio, aggravata dal metodo mafioso. L’ordine di arresto è stato dato dal GIP di Catania su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Gennuso ha 65 anni ed è stato rieletto da pochi mesi per la quarta volta con la lista di centrodestra Popolari ed Autonomisti. Si trova ora agli arresti domiciliari. Insieme a lui sono state arrestate altre due persone, scrive Repubblica: «domiciliari anche per Massimo Rubino, ritenuto un procacciatore di voti. Il carcere è invece scattato per Francesco Giamblanco, genero del boss di Avola».

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*