I ristoranti dello chef Jamie Oliver in Australia sono finiti in amministrazione controllata

0

//pagina – mobile if (document.documentElement.clientWidth<780) (function(scripts,src){for(src in scripts)document.writeln('’)})([‘https://www.ilpost.it/wp-content/themes/ilpost/js/s24.box.js?5.162’]);

I ristoranti dello chef britannico Jamie Oliver in Australia sono finiti in amministrazione controllata a causa dei pesanti debiti della società che li controllava. Uno dei sei ristoranti ha chiuso immediatamente, lunedì 16 aprile, mentre gli altri cinque sono stati venduti all’ultimo momento al gruppo australiano Hallmark Group e potranno continuare ad operare.

Solo 12 mesi fa, i sei ristoranti erano stati ricomprati dalla società di Jamie Oliver dopo il fallimento della società che li aveva gestiti fino a quel punto. L’operazione di salvataggio non è andata a buon fine. La nuova procedura di amministrazione controllata è arrivata pochi giorni dopo la notizia che anche la società che gestisce i ristoranti di Jamie Oliver nel Regno Unito è in un momento particolarmente difficile, gravata da diverse decine di milioni di euro di debiti.

Jamie Oliver (AP Photo/Rob Griffith)

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*