Bimbo venduto via web da madre, al via processo in Germania

0

È iniziato a Friburgo, in Germania, il processo al primo degli otto accusati per stupro del bambino di 9 anni che per due anni è stato venduto via internet dalla madre e dal patrigno, alla mercé di una rete internazionale di pedofili che hanno abusato di lui con violenza, in più di un caso filmando i maltrattamenti. 

 

Il primo a sedere sul banco degli imputati è stato un tedesco di 41 anni, Markus K., un lavoratore del Baden-Wuerttemberg con precedenti penali attinenti, che conosceva il patrigno del bambino, anche lui imputato. Su Facebook, Markus K. ha chiesto al patrigno del bambino «se aveva qualcosa da offrirgli», secondo le parole citate dal procuratore di stato, la dottoressa Nikola Novak. L’uomo è accusato di violenza sessuale, sequestro di persona, prostituzione forzata, lesioni personali. In suo possesso sono state trovate 500 foto pedopornografiche e 20 film. 

 

Secondo la ricostruzione fatta dalla magistratura inquirente, l’uomo avrebbe incontrato il bambino due volte per abusarne, come confermano le immagini riprese in video. Il bambino non prenderà parte al processo, ma verrà rappresentato in giudizio da un’avvocatessa, Katja Ravar: anche «il suo chiaro disgusto», l’agonia, il dolore fisico e spirituale, la sua «fuga nella fantasia» troveranno ascolto nel procedimento giudiziario, sostiene Spiegel nella sua ricostruzione. 

[ Fonte articolo:La Stampa ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*