Alcuni cittadini russi sono stati uccisi in Siria in uno scontro con la coalizione anti-ISIS guidata dagli Stati Uniti

0

//pagina – mobile if (document.documentElement.clientWidth<780) (function(scripts,src){for(src in scripts)document.writeln('’)})([‘http://www.ilpost.it/wp-content/themes/ilpost/js/s24.box.js?5.162’]);

Alcuni cittadini russi, potrebbero essere decine, sono stati uccisi in Siria in uno scontro tra le forze alleate al presidente siriano Bashar al Assad e la coalizione guidata dagli Stati Uniti che sta combattendo contro lo Stato Islamico (o ISIS). La notizia è stata diffusa da alcuni giornali americani e russi, ma è stata smentita dal governo di Mosca, che sostiene che in Siria non ci siano soldati russi, ma solo mercenari. Il New York Times ha scritto che sembra che lo scontro sia iniziato dopo che i russi avevano attaccato i membri della coalizione anti-ISIS vicino ad Al Tabiyeh, nella zona di Deir Ezzor, i quali come risposta avrebbero chiesto aiuto alle forze aeree americane, che avrebbero attaccato il convoglio dei loro nemici.

Soldati siriani a Deir Ezzor (STRINGER/AFP/Getty Images)

[ Fonte articolo: ilpost ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*