Tumore, il test che può cambiare la storia (e la vita) Come battere la malattia: una svolta epocale?

0

Un vaccino contro il tumore al fegato. Lospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, in provincia di Verona, è fra i primi al mondo ad averne avviato la sperimentazione sulluomo, assieme allIstituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli. Si tratta di un progetto internazionale finanziato dallUnione Europea che oltre allItalia coinvolge anche Germania, Spagna, Francia e Inghilterra. Allo studio partecipano nove partner europei del settore farmaceutico e universitario.

Il nome del vaccino è IMA910A. È un farmaco innovativo contro lepatocarcinoma – il tumore al fegato, per lappunto – che ha lo scopo di indurre una risposta immunitaria in grado di ritardare il ripresentarsi del cancro o di favorire unulteriore regressione della malattia dopo il trattamento locale. Lepatocarcinoma è il tumore maligno più frequente legato al fegato. Lo scorso anno nel nostro Paese si sono verificati 13 mila nuovi casi. In tutto il mondo, invece, 750 mila. Al momento, per questo tipo di tumore le possibilità di cura sono molto limitate: in Italia, nel 2014, è stato causa di quasi 10 mila decessi. In più del 70 per cento dei casi lepatocarcinoma è riconducibile a fattori di rischio come labuso di alcol e linfezione da epatite C e da epatite B. Lepatocarcinoma è la quarta causa di morte dovuta a tumori negli uomini, in modo particolare dopo i settantanni. In generale la prospettiva di vita media dopo la diagnosi della patologia è di cinque.

incrementAdvImpression(598);

Ora, grazie a questo farmaco, la condizione di migliaia di pazienti potrebbe cambiare. «La sperimentazione è riservata a persone con epatocarcinoma in fase iniziale non ancora sottoposti a trattamento o a chi lo ha iniziato da poco» dice a Libero la dottoressa Stefania Gori, direttrice del Dipartimento Oncologico dellospedale di Negrar e presidente nazionale dellAssociazione Italiana di Oncologia Medica. «Si tratta di nove vaccinazioni complessive. Le prime quattro vengono effettuate una volta alla settimana, le altre cinque ogni tre. Lobiettivo di questa prima fase – prosegue la dottoressa Gori – è quello di valutare la tollerabilità del vaccino, quindi di valutare eventuali effetti collaterali e di verificare se, somministrato dopo la regressione della malattia ottenuta tramite il trattamento locale, è in grado di provocare una risposta immunitaria nei confronti del tumore».

Nel 2018 lospedale Sacro Cuore Don Calabria tratterà quaranta pazienti. Poi, in base ai risultati, il numero potrebbe aumentare. «Tutti i pazienti che prenderanno parte alla sperimentazione verranno sottoposti ad alcuni esami preliminari per verificare la loro idoneità» sottolinea il direttore del Dipartimento Oncologico dellospedale di Negrar. «Chi dopo il trattamento locale, quindi dopo lintervento chirurgico, la termoablazione o la ablazione mediante radiofrequenza e microonde, chemioembolizzazione, radioembolizzazione, non presenterà evidenza di tumore vitale potrà ricevere il trattamento sperimentale».

di Alessandro Gonzato

[ Fonte articolo: Libero Quotidiano ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*