L’ultimo atto di generosità di Lele, donati gli organi: “Per 6 persone sarà nuova vita”

0
Emanuele Zennaro, quarantasettenne pizzaiolo di Marghera, Venezia, stato ucciso da un improvviso aneurisma mentre si trovava in casa con la madre. Tantissime le persone che lo ricordano con commozione. La famiglia ha autorizzato l’espianto degli organi.

Lultimo atto di generosit di Lele, donati gli organi: Per 6 persone sar nuova vita

Emanuele Lele Zennaro era una persona molto amata. Gestiva una pizzeria a Marghera, in provincia di Venezia, e per questo motivo era molto conosciuto. Ad ucciderlo, allet di 47 anni, stato unimprovviso aneurismamentre si trovava in casa con la madre. Il ricovero in ospedale e lintervento urgente purtroppo rivelato inutile. Manuele, che viveva a in via Rinascita, lascia due fratelli, Manola e Gabriele, oltre la genitrice, Vilma. Alla tristezza per limprovvisa scomparsa si accompagna per la bella notizia dellultimo atto di generosit per gli altri: grazie ai suoi organi, infatti, sei persone potranno vivere una vita migliore.

googletag.cmd.push(function () { googletag.display(“div-banner-8”); });

La mattina del 4 gennaio Lele si era svegliato con un forte malessere. Un dolore alla testa che lo aveva costretto a far ricorso a farmaci. Nonostante il disturbo era andato comunque a lavorare. Il peggio era arrivato di sera. Il 47enne era al telefono, in casa,quando le sue urla improvvise hanno spaventato la mamma, con cui viveva. La donna, dopo aver trovato il figlio a terra in camera sua, ha dato l’allarme al 118. Il pizzaiolo stato trasportato subito all‘ospedale, ma sue condizioni sono apparse subito molto gravi. Nonostante loperazione subito, non ce lha fatta.

morto marted,non senza compiere lultimo gesto di riconoscenza per gli altri:Abbiamo avuto notizie dallAido, scrive la sorella Manola, Chesei persone vivranno grazie al mio grande fratellone e lui vivr in loro. Grazie ancora una volta. In tantissimo ora lo piangono e lo ricordano con commozione, come si legge anche su La Nuova Venezia. Sono orgoglioso della vostra famiglia esono onorato di aver avuto la fortuna di avere amici come tedice ad esempio Michele, mentre da pi di uno dei colleghi degli ultimi posti si chiede di riservare un posto a tavola e una delle tue pizze oppure viene ricordata con rimpianto la sua frase pi tipica nei confronti dei clienti, quel date con un legno detta sempre con il sorriso tra le labbra.

[ Fonte articolo: Fanpage ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*