EuronCap “Best in class 2017”, ecco le reginette in sicurezza

0

Le "fantastiche sette" dei crash test hanno ottenuto un punteggio pieno

Pubblicati i risultati dei crash test condotti da EuronCap sui modelli 2017. Volkswagen fa incetta di punteggi altissimi con l’ammiraglia Arteon, il suv T-Roc e la compatta Polo che guadagnano tutte le 5 stelle (il punteggio massimo), e si posizionano al vertice delle rispettive categorie (executive, small off-road e supermini). Così come Subaru che si piazza al primo posto con le sue XV e Impreza nella categoria “small family car”. Volvo XC60 primeggia tra i fuoristrada di grandi dimensioni, mentre Opel Crossland X spicca tra gli small MPV.
Partendo dal presupposto che tutte le vetture citate si sono dimostrate le più sicure tra quelle messe in commercio nell’anno appena concluso, superando i severi test con punteggio pieno, se andiamo a guardare singolarmente i risultati delle cinque aree di test cui vengono sottoposte le vetture, alla voce “protezione adulti passiva”, il punteggio più alto lo registra la Volvo XC60 che sfiora il 100% (98%), seguita dai tre modelli Volkswagen, Arteon, T-Roc e Polo (tutti al 96%). Le due Subaru si attestano al 94% mentre la Opel registra un valore dell’85%. Sul fronte sicurezza bambini passiva, invece, sono le due Subaru a segnare il punteggio percentuale più alto in sicurezza (89%), seguono Volvo XC60 e Volkswagen T-Roc a parimerito (87%), Volkswagen Arteon e Polo (85%), e Opel Crossland X (84%).

Per quanto riguarda un’altra voce che influisce sensibilmente sul punteggio finale, la protezione pedoni in caso di impatto, la miglior performance è della VW Arteon (85%), seguita da Subaru XV (84%), Subaru Impreza (82%), Vw T-Roc (79%), Volvo XC60 e Vw Polo (entrambe al 76%), e Opel Crossland X (62%). Infine, nei test sulla sicurezza attiva, Volvo primeggia su tutte staccando la seconda di oltre 10 punti percentuali: con un risultato del 95% la XC60 si piazza prima in materia di dotazioni di sicurezza attiva, segue con l’82% Vw Arteon. Terzo posto per la Vw T-Roc (71%), seguita a parimerito dalle due Subaru (68%). Chiudono Vw Polo (59%) e Opel Crossland X (57%).

“Nel 2017, i modelli che si sono distinti nelle diverse categorie rispetto ad altri modelli equivalenti lo devono soprattutto alla generosa dotazione di sistemi ADAS di assistenza alla guida – ha commentato il presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani -. Un dato che ci spinge a lanciare un duplice appello a tutti i costruttori, affinché investano nello sviluppo e nella promozione di sistemi di assistenza alla guida sempre più efficaci ed efficienti e ai “decisori”, affinché rendano obbligatorio per tutti i nuovi modelli almeno il freno automatico di emergenza (sistema AEB, Autonomous Emergency Braking)”.

Categoria per categoria, la “Executive” Volkswagen Arteon primeggia in tutte le valutazioni, come sottolineano dall’ACI, anche grazie alla presenza del dispositivo “cofano attivo” e del sistema di frenata automatica di emergenza (AEB), di serie, risultato efficace in tutti i test. Tra i “Large Off-Road”, Volvo XC60 ha portato a casa il massimo dei punteggi in molte prove, grazie anche agli avanzati sistemi di sicurezza attiva e passiva di cui è dotata di serie. “Unici ‘nei’ la protezione del torace del passeggero posteriore in caso di urto frontale ‘pieno’ contro barriera e la protezione della testa del pedone in caso di urto con alcune zone del cofano”, fanno notare dall’Automobile Club Italia. Nella categoria “Small Off-Road”, il Suv compatto Vw T-Roc ha ottenuto il massimo punteggio nelle prove di urto laterale, contro barriera e palo. “Si è messo in evidenza per l’ottima protezione di adulti e bambini a bordo, ha ottenuto il massimo punteggio nelle prove di urto laterale, contro barriera e palo – proseguono dall’ACI -. Qualche piccola criticità per la testa del pedone che impatta contro la base del cofano o dei montanti del parabrezza. Molto buone le performance dei sistemi di assistenza alla guida (ADAS) presenti di serie su questo modello, optional solo il sistema di controllo della velocità”.

Vw Polo (“Supermini”), ha ottimi punteggi per la protezione di adulti e bambini a bordo, massimo per la protezione nel caso di urto laterale e contro il palo. “Piccole defaillance nell’urto del pedone contro il cofano a livello dei montanti del parabrezza ed in alcune piccole aree del cofano”. Tra i “Small MPV”, Opel Crossland X “ha ottenuto 5 stelle, anche se il modello testato non disponeva del freno automatico di emergenza (AEB), previsto solo come optional. Eccellenti i punteggi nei test della protezione dei bambini in caso di urto frontale contro barriera e nella protezione delle gambe del pedone in caso di urto contro il paraurti. Scarsamente influenti, invece, le piccole defaillance rilevate: bassa protezione del torace del passeggero posteriore in caso di urto frontale con barriera e regolazione non ottimale dei poggiatesta posteriori, con scarsa protezione al colpo di frusta”, fanno notare gli esperti dell’ACI. Per quanto riguarda le “Small family car”, Subaru XV e Impreza hanno ottenuto entrambe il massimo punteggio per la protezione di tutte le parti del corpo in caso di urto contro la barriera laterale e massima valutazione per la protezione dei bambini a bordo. “Leggera penalizzazione nella valutazioneOAS_RICH(‘Bottom’); della protezione del passeggero posteriore a causa dello scivolamento del bacino del dummy sotto la cintura di sicurezza. Nella prova di impatto con il pedone, l’Impreza è risultata penalizzata dalla diversa conformazione del cofano anteriore”, concludono dall’ACI.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*