Allarme sicurezza pc, Financial Times: a rischio quelli prodotti da 10 anni

0

Intel, Amd e Arm, i tre colossi Usa, che sono il sinonimo di microchip a livello globale, sono corsi ai ripari per porre rimedio a una grave falla ai sistemi di controllo di tutti i processori di ultima generazione

INTEL, Amd e Arm, i tre colossi Usa, che sono il sinonimo di microchip a livello globale, sono corsi ai ripari per porre rimedio a una grave falla nei sistemi di sicurezza di tutti i processori, cioè le apparecchiature da cui dipendono i pc prodotti negli ultimi 10 anni. La grave falla, secondo quanto rivela il Financial Times, potrebbe essere sfruttata dagli hackers per introdursi nei sistemi criptati dei big dell'high tech e ottenere informazioni riservate come password e un certo numero di dati sensibili. Intel sta lavorando ai chip dei server e dei pc, Amd a quelli degli smartphone.

"Non è un problema che riguarda un'unica compagnia", rivela Steve Smith, esperto di Intel, "ma di approccio generale". "Se Intel, Amd and Arm sono colpite", spiega al Ft Beau Woods, che si occupa di cyber sicurezza della Atlantic Council, "stiamo parlando di qualcosa che riguarda il sistema che gestisce i pc prodotti nel mondo da 10 anni a questa parte".
Intel fa sapere di star lavorando a mutamenti che riguardano una combinazione di hardware e software per risolvere il problema. Ieri sera Forbes aveva rivelato che il "patch" (in inglese "rattoppo/aggiornamento") potrebbe rallentatare le performance della Cpu (il cuore dei computer) tra il 5 ed il 30%. I primi cambiamenti si sono visti nelle ultime versioni di Linux. Microsoft ci sta lavorando per Windows. Apple per ora tace
.
Forbes alimenta anche un sospetto: che i vertici di IntelOAS_RICH(‘Bottom’); sapessero da tempo del difetto e cita il caso dell'Ad della società, Brian Krzanich, che a metà dicembre possedeva 495.743 azioni della di Intel e all'improvviso ha venduto tutte quelle possibili, restando con le sole 250.000 che è obbligato perstatuto a possedere.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*