M5s non ci sta: “Indagati candidati con noi? Fake news”

0
Dopo la diffusione del nuovo codice etico, in molti avevano accusato il MoVimento di aver rinunciato al divieto di candidatura per gli indagati. Ora la precisazione: non c’ automatismo, ma si decider di volta in volta.
M5s non ci sta: Indagati candidati con noi? Fake news

Ha sollevato molte polemiche la presentazione di un nuovo “codice etico” in vista della scelta delle candidature alle elezioni politiche da parte del MoVimento 5 Stelle. Avversari politici e autorevoli commentatori si sono in particolare concentrati su uno dei passaggi del nuovo codice, che rappresenterebbe l’ufficializzazione del passo indietro rispetto a uno dei principi storici del MoVimento: ovvero la non candidabilit (in generale l’incompatibilit col ruolo di rappresentante dei cittadini) di coloro i quali siano indagati o comunque coinvolti in vicende giudiziarie.

googletag.cmd.push(function () { googletag.display(“div-banner-8”); });

Oggi arrivata la secca replica del M5s, affidata a una nota nella quale si bolla come “fake news” la ricostruzione che vuole un “cedimento” rispetto a tale pilastro. Per i grillini, infatti, il nuovo codice etico non prevede che gli indagati siano candidabili senza se e senza ma: “C’ scritto infatti nel codice etico che il portavoce dovr ‘rinunciare alla propria candidatura nel caso in cui, avuta notizia dellesistenza di un procedimento penale a proprio carico, emergano elementi idonei a far ritenere la condotta lesiva dei valori, dei principi o dellimmagine del MoVimento 5 Stelle, a prescindere dallesito e dagli sviluppi del procedimento penale accettando, ora per allora, le determinazioni che sul punto gli Organi dellAssociazione a ci deputati riterranno di esprimere”. In poche parole, si decider caso per caso e saranno gli organismi di garanzia, garante e probiviri, a stabilire la sussistenza o meno dei requisiti per candidarsi col MoVimento 5 Stelle.

Confermato, invece, uno fra i passaggi pi controversi, quello sulle multe per un eventuale abbandono del gruppo parlamentare (o di rimozione), per un ammontare di “100mila euro quale indennizzo per gli oneri sopra indicati per lelezione del parlamentare stesso”. Stesso discorso per un altro passaggio (che in parte contraddice anche la Costituzione, che d la possibilit ai parlamentari di rappresentare i cittadini senza vincolo di mandato), ovvero l’obbligo di “votare la fiducia, ogni qualvolta ci si renda necessario, ai governi presieduti da un presidente del Consiglio dei ministri espressione del Movimento 5 Stelle”.

[ Fonte articolo: Fanpage ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*