Serie C: Livorno ko a Pisa, Padova in fuga, Catania e Trapani braccano il Lecce

0

Nella 16ª giornata i labronici, al comando nel girone A, perdono l’imbattibilità sul terreno della seconda della classe. I biancoscudati, leader del gruppo B, passano sul campo dell’Albinoleffe e volano a +6 sul Renate (battuto a Ravenna), mentre nel C i salentini sono bloccati sullo 0-0 a Fondi e vengono avvicinati dalle due squadre siciliane

ROMA  – Il primo ko del Livorno nella sfida al vertice di Pisa, il tentativo di fuga del Padova, o il riavvicinarsi di Catania e Trapani al Lecce, di nuovo nel mirino. Insomma, non mancano davvero gli spunti di interesse nella 16esima giornata di Serie C, caratterizzata anche dall'adesione alla Giornata internazionale contro la violenza alle donne con i capitani delle squadre entrati in campo con un fiocco bianco all'altezza del cuore, un simbolo per dire no alla violenza. Un "weekend lungo" che si concluderà con il posticipo di lunedì sera fra Teramo e Sambenedettese (girone B).
 
A PISA FINISCE IMBATTIBILITA' DEL LIVORNO, SIENA PIEGA AREZZO – Nel girone A perde l'imbattibilità il Livorno, proprio nello scontro diretto al vertice con il Pisa: a decidere il derby dell'Arena Garibaldi è il gol di Eusepi, che consente ai nerazzurri di portarsi a cinque punti dai labronici di Sottil, comunque ancora saldi in vetta. Rimane solo da vedere come sarà metabolizzata questa prima sconfitta in campionato. In scia al Pisa rimane la Robur Siena, che grazie al solito Marotta riesce a spuntarla sull'Arezzo.
 
POKER CARRARESE AL PONTEDERA, BENE VITERBESE, PRATO STENDE OLBIA – Il terzo match tutto toscano in programma vede la Carrarese travolgere per 4-1 il Pontedera: Bentivegna e Vassallo spianano la strada agli uomini di Silvio Baldini, poi dopo che Caponi aveva provato a riaprire il discorso accorciando le distanze ci pensa la doppietta di Tavano a scrivere i titoli di coda. Continuano gli effetti benefici della cura Sottili per la Viterbese, che si sbarazza con un secco 3-0 del Cuneo (Sini, Baldassin e Vandeputte i marcatori) consolidando la quarta piazza. E se la scorsa settimana il 3-1 al 'Moccagatta' di Alessandria aveva scatenato un uragano nel club piemontese con l'addio del direttore sportivo Sensibile e del tecnico Stellini stavolta il nuovo tris dei Leoni potrebbe mettere in difficoltà il tecnico delle Aquile Gardano: i piemontesi hanno vinto una sola delle ultime undici partite e sono in piena bagarre retrocessione. Anche l'Olbia è in crisi nera. Dal tonfo nel derby con l'Arzachena è arrivata una sola vittoria in mezzo a tre ko, l'ultimo a Prato (i lanieri non vincevano dal 24 settembre): decide un'autorete di Ogunseye. Un'affermazione che consente al Prato di lasciare l'ultima posizione, scavalcando il Gavorrano che perde in casa (rete di Alessandro all'87') la sfida diretta con la Pro Piacenza, ora fuori dalla zona play out. La Lucchese resta in dieci al 32′ (espulsione diretta per Baroni) e viene travolta 3-0 al 'Porta Elisa' da una Giana Erminio (a segno Perna, Pinardi e Okyere) in grande spolvero, reduce dal 5-0 al Prato e da tre vittorie in quattro partite.
 
PIACENZA RIMONTA E PIEGA 3-2 ALESSANDRIA: DEBUTTO AMARO PER MARCOLINI – Una rete a testa tra Arzachena e Pistoiese (Minardi per i toscani, Vano per i sardi), mentre non basta neppure lo scossone in panchina per invertire la tendenza e far uscire dal tunnel l'Alessandria. Sembrava che il debutto di Michele Marcolini avesse portato una svolta per i piemontesi, avanti 2-0 grazie all'autogol di Morosini e alla rete di Gonzalez in avvio di ripresa, ma una doppietta di Corazza inframmezzata dal pari di Romero ha concretizzato una clamorosa rimonta del Piacenza nell'anticipo di venerdì sera, confermando una volta di più le difficoltà dei grigi, tra i grandi favoriti della vigilia e ora in zona play-out.
Girone A, 16/a giornata: Arzachena-Pistoiese 1-1, Carrarese-Pontedera 4-1, Gavorrano-Pro Piacenza 0-1, Lucchese-Giana Erminio 0-3, Piacenza-Alessandria 3-2, Pisa-Livorno 1-0, Prato-Olbia 1-0, Robur Siena-Arezzo 1-0, Viterbese-Cuneo 3-0. Riposa: Monza.
Classifica: Livorno 36 punti; Pisa 31; Robur Siena 30; Viterbese 27; Lucchese, Carrarese e Olbia 23; Arzachena, Monza e Piacenza 21; Giana Erminio e Pistoiese 20; Arezzo 19; Pontedera 16; Pro Piacenza 14; Cuneo 13; Alessandria 12; Prato 11; Gavorrano 10.
 
PADOVA PIEGA ANCHE ALBINOLEFFE  E ALLUNGA SUL RENATE, KO A RAVENNA – Nel girone B la capolista Padova conferma tutto il suo spessore cogliendo il quarto successo di fila, centrato in rimonta sul terreno di un avversario in salute come l'Albinoleffe, che a sua volta veniva da tre affermazioni consecutive e si era portato in terza posizione: dopo l'autorete iniziale di Russo è una doppietta di Cisco, inserito da Bisoli nell'intervallo, a ribaltare il risultato e lanciare i biancoscudati, quanto mai intenzionati a ritornare su palcoscenici prestigiosi. Un blitz quanto mai prezioso perché il Padova porta a 6 le lunghezze di vantaggio sulla più immediata inseguitrice, il Renate, che cade sul terreno del Ravenna (decide De Sena).
 
IL VICENZA DI ZANINI LOTTA MA CEDE A PORDENONE, TERAMO-SAMB IN POSTICIPO – I seriani vengono raggiunti sulla terza poltrona dal Pordenone, che dopo aver osservato il turno di riposo riparte lasciandosi alle spalle tre sconfitte. I "ramarri" di Colucci hanno ragione del Vicenza al termine di un match dai due volti al 'Bottecchia': Ciurria e Sainz-Maza nel primo tempo portano sul doppio vantaggio i locali, i biancorossi reagiscono con Comi e Lanini ma è Magnaghi a siglare la rete del 3-2 rovinando l'esordio sulla panchina veneta di Nicola Zanini, tecnico della Berretti promosso dopo l'esonero di Alberto Colombo. Proverà ad avvicinarsi ulteriormente ai piani alti anche la Sambenedettese di Eziolino Capuano (imbattuto nelle due giornate in cui è alla guida dei marchigiani dopo la nefasta esperienza al Modena), impegnata lunedì sera nel posticipo a Teramo che poco o nulla ha in meno rispetto a un derby. In un turno spezzatino per questo gruppo si è dovuto accontentare di un pari interno il Mestre, fermato sull'1-1 venerdì dal fanalino di coda Fano (botta e risposta fra Torelli e Sodinha).  Sulla quinta poltrona, intanto, si accomoda il Feralpisalò che con una doppietta di Marchi fa bottino pieno a Santarcangelo (ai romagnoli non basta Cagnano per evitare lo stop casalingo).
 
RISALGONO IN CLASSIFICA TRIESTINA E REGGIANA – Trova il riscatto che cercava la Triestina di Sannino rifilando tre schiaffi al Gubbio: alabardati subito avanti con Codromaz, per gli umbri pareggia Ettore Marchi, ma ci pensano Mensah e quindi Petrella a dare i 3 punti agli alabardati, ora a quota 21. Risale anche la Reggiana, che con Riverola piazza un colpo non da poco a Bassano che agli emiliani vale l'aggancio in classifica proprio ai giallorossi veneti.
Girone B, 16/a giornata: Mestre-Fano 1-1, Pordenone-Vicenza 3-2, Albinoleffe-Padova 1-2, Bassano-Reggiana 0-1, Ravenna-Renate 1-0, Santarcangelo-Feralpisalò 1-2, Triestina-Gubbio 3-1, Teramo-Sambenedettese (lunedì ore 20.45). Riposano: Fermana e Sudtirol.
Classifica: Padova 32 punti; Renate 26; Albinoleffe e Pordenone 24; Feralpisalò 23; Mestre, Sambenedettese e Triestina 21; Südtirol 20; Bassano e Reggiana 19; Fermana 18; Vicenza 16; Gubbio e Teramo 15;  Ravenna 13; Santarcangelo 10; Fano 6. Modena escluso dal campionato
 
FONDI RALLENTA LECCE, CATANIA SI PORTA A -3 – Nel girone C prosegue sempre più interessante il duello a distanza tra Lecce e Catania, che rosicchia due punti ai salentini. I giallorossi guidati da Fabio Liverani, reduci da un tris di vittorie, vengono bloccati sul nulla di fatto sul terreno del Racing Fondi, in crescita di rendimento e fiducia dopo un avvio difficoltoso, mentre gli etnei centrano il quinto successo consecutivo regolando all'inglese al "Massimino" i cugini dell'Akragas (a segno nel secondo tempo Di Grazia e Curiale), in piena crisi, ultimi in classifica e ora con sette ko di fila. La squadra di Cristiano Lucarelli è dunque a tre lunghezze dal Lecce (riposerà nella prossima giornata) e altrettante ne conserva sul Trapani, pronto a fare da terzo incomodo considerando che il calendario propone il derby con il Catania nel turno in arrivo.
 
TRAPANI PASSA AD ANDRIA, SI RILANCIANO SIRACUSA E MATERA – I siciliani di Calori fanno infatti bottino pieno sul terreno della Fidelis Andria, passando nel finale con Rizzo che costringe al primo stop Aldo Papagni, presentatosi con un perentorio 5-1 ad Agrigento. Al quarto posto c'è il Siracusa, che grazie a una doppietta di Parisi piega il Catanzaro (non basta Falcone) e allunga sul Rende, fermato sullo 0-0 sul campo di una Casertana in lotta per risollevarsi dalle secche della bassa classifica. Altro stop casalingo per il Monopoli, che nelle ultime giornate ha perso un po' di smalto dopo la brillante partenza ed è stato contestato dai propri tifosi: i gol di Canotto e Simeri lanciano la Juve Stabia verso posizioni playoff. A mani vuote anche la Virtus Francavilla, l'altra squadra al sesto posto con gli uomini di Tangorra, superata 2-1 a Matera: Albertini illude la compagine brindisina, ma in un rocambolesco finale prima  Strambelli e poi Corado al 93' griffano il micidiale uno-due della formazione di Auteri, rilanciandone le ambizioni.
 
REGGINA IN BIANCO COL BISCEGLIE, 0-0 ANCHE COSENZA-SICULA LEONZIO – La Reggina è stoppata sullo 0-0 al "Granillo" dal Bisceglie, che così evita il sorpasso da parte dei calabresi, e sempre 0-0 termina tra Cosenza e Sicula Leonzio in un confronto diretto già delicato in prospettiva salvezza.
Girone C, 16/a giornata: Casertana-Rende 0-0, Catania-Akragas 2-0, Cosenza-Sicula Leonzio 0-0, FidelisOAS_RICH(‘Bottom’); Andria-Trapani 0-1, Matera-Virtus Francavilla 2-1, Monopoli-Juve Stabia 0-2, Racing Fondi-Lecce 0-0, Reggina-Bisceglie 0-0, Siracusa-Catanzaro 2-1. Riposa: Paganese.
Classifica: Lecce 37 punti; Catania 34; Trapani 31; Siracusa 26; Rende 24; Monopoli e Virtus Francavilla 22; Matera(-1) 21; Bisceglie e Juve Stabia 20; Catanzaro* e Reggina 18; Cosenza 16; Racing Fondi e Sicula Leonzio* 15; Casertana 14; Fidelis Andria 13; Paganese 11; Akragas 9.  * = 1 partita in meno

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*