Milano AutoClassica, c’è anche l’Isotta

0

Nello stand Aste Bolaffi un esemplare di Isotta Fraschini 8b del 1931, accanto a una più recente e altrettanto affascinante Lamborghini Diablo VT del 1998. E per gli amanti delle due ruote un sidecar Royal Enfield del 1918

Oggi la festa è a Milano per gli appassionati di due e quattro ruote è stata a Milano AutoClassica, fra le perle da non perdere la meravigliosa Isotta Fraschini 8b landaulet del 1931, perfettamente restaurata, che spicca nello stand di Aste Bolaffi. 

Vestita di blu scuro con interni originali e un tocco di personalizzazione richiesto dal proprietario dell’epoca – i sedili anteriori sono rivestiti in pelle con retro in tessuto -, questa vettura incarna l’eccellenza del motorismo italiano di lusso quegli anni, quando le automobili erano ancora lontane da diventare un fenomeno di massa. Per rendere meglio l’idea di lusso automobilistico Anni ’30, ben rappresentato da questa vettura, basti sapere che era equipaggiata con un propulsore da otto cilindri in linea capace di erogare una potenza di 150 cavalli. L’esemplare esposto a Milano, inoltre, è dotato di un pulsante nella parte posteriore del lato passeggero che serviva per indicare all’autista se fermarsi o partire, attraverso un sistema luminoso rosso/verde. Decisamente all’avanguardia per il periodo in cui è stata costruita.

Ma lo stand Aste Bolaffi a Milano AutoClassica non delude nemmeno gli appassionati delle due ruote. In mostra un esemplare pregiato di sidecar Royal Enfield del 1918, completamente originale in ogni componente. E infine, per i nostalgici più sportivi, una rara Lamborghini Diablo VT (Viscous Traction) del 1998, la prima serie di un mito assoluto di quegli anni, perfettamente conservata,OAS_RICH(‘Bottom’); con livrea bianca e interni blu. E’ solo un piccolo assaggio dei gioielli su ruote che saranno messi all’incanto il prossimo 23 maggio da Aste Bolaffi, che ha scelto per il suo debutto nel settore una location “cool”, il circuito della Pista di Lainate (Milano).

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*