Serie C: per Livorno, Padova e Lecce altri 3 punti sotto l’albero 

0

Le prime della classe a segno nella 20ª giornata, che apre il ritorno. Nel girone A i labronici passano per 4-2 a Gavorrano e restano a +10 sul Siena (4-1 sul campo della Lucchese), nel B il Padova vince 2-1 il big match con il Renate portandosi a 7 punti di vantaggio, mentre nel gruppo C i salentini travolgono 4-0 la Virtus Francavilla e il Catania passa a Fondi (1-3)

AROMA  – Inizia nel segno delle prime della classe anche il girone di ritorno di serie C, che ha mandato in scena la 20esima giornata. Un turno pre-natalizio all'insegna anche delle speciali "Pigotte Unicef dei calciatori", realizzate a mano da centinaia di volontari e date in adozione sia nei vari stadi sia durante iniziative promosse dalle diverse società in occasione delle Feste a sostegno del progetto "Bambini Sperduti", in modo da aiutare tanti bimbi colpiti da conflitti, violenza, calamità o povertà alla ricerca di una vita migliore. Proseguono la loro cavalcata di testa infatti, nei rispettivi gironi, il Livorno, il Padova e il Lecce, protagonista di un avvincente duello con il Catania.
 
POKER DI LIVORNO E SIENA NELLE SFIDE TOSCANE IN TRASFERTA – Nel girone A apre con il piede giusto anche la fase discendente del torneo la capolista Livorno, imponendosi per 4-2 nel testa-coda sul campo del Gavorrano, penultimo: Moscati sblocca il match per i maremmani, poi una doppietta di Maiorino, i gol di Luci e Vantaggiato in pieno recupero, dopo che Vitiello aveva accorciato le distanze, consentono alla formazione di Sottil di proseguire la sua cavalcata di testa. Rimangono dieci i punti di distacco dalla seconda della classe, visto che anche la Robur Siena (deve recuperare il match di Piacenza) cala il poker facendo bottino pieno nel derby toscano sul terreno della Lucchese: proprio i rossoneri sbloccano la gara con Del Sante dopo soli 3 minuti, però i bianconeri di Mignani ribaltano tutto con Cristiani e la doppietta di Rondanini già nella prima frazione, prima che Marotti fissi il punteggio nel finale.
 
PISA BATTE OLBIA, BENE VITERBESE, GIANA ERMINIO E MONZA – Sotto l'Albero conquista 3 punti anche il Pisa, tornato in campo dopo aver osservato il turno di riposo, che si conferma terza forza del girone regolando all'inglese l'Olbia (Negro ed Eusepi chiudono la pratica in appena 25 minuti), una delle rivelazioni della prima metà della stagione. Non perde terreno comunque neppure la Viterbese, che fa valere il proprio maggior spessore in casa del fanalino di coda Prato: un rigore di Jefferson e Vandeputte firmano il successo dei laziali, condannando al contempo al quarto ko di fila i lanieri. In quinta posizione sale la Giana Erminio, superando di misura la Pro Piacenza (match winner Perico), mentre il Monza passando al 'Garilli' di Piacenza (D'Errico a segno per i brianzoli) aggancia l'Olbia al sesto posto, a quota 27. Non sfrutta appieno il turno casalingo la Carrarese, bloccata sull'1-1 dal Cuneo: Bentivegna porta avanti gli uomini di Baldini ma è Zamparo a regalare ai piemontesi, dopo l'affermazione nel recupero sulla Robur Siena, un punto prezioso nell'inseguimento alla salvezza.
 
ALESSANDRIA METTE LA QUARTA, ARZACHENA RIMONTA AREZZO – Risale a colpi di vittorie intanto l'Alessandria, che centra la quarta consecutiva travolgendo per 5-1 il Pontedera: la tripletta di Marconi e la doppietta di Gonzalez fanno volare i grigi di Marcolini (gol della bandiera di Pinzauti per i toscani), che con questo ritmo possono davvero rimontare nel girone di ritorno e agguantare un piazzamento playoff. A 24 punti sale pure l'Arzachena, capace di piegare in rimonta l'Arezzo, in vantaggio con Rinaldi ma poi caduto sotto i colpi di Sanna e Curcio dagli 11 metri.
Girone A, 20/a giornata: Alessandria-Pontedera 5-1, Arzachena-Arezzo 2-1, Carrarese-Cuneo 1-1, Gavorrano-Livorno 2-4, Giana Erminio-Pro Piacenza 1-0, Lucchese-Robur Siena 1-4, Piacenza-Monza 0-1, Pisa-Olbia 2-0, Prato-Viterbese 0-2. Riposa: Pistoiese.
Classifica: Livorno 46 punti; Robur Siena* 36; Pisa 35; Viterbese 34; Giana Erminio 29; Monza e Olbia 27; Pistoiese 26; Carrarese 25; Alessandria, Arezzo (-2), Arzachena e Lucchese 24; Piacenza* 23; Pontedera e Pro Piacenza 21; Cuneo 17; Gavorrano 13; Prato 11. * = 1 partita in meno.
 
PADOVA PIEGA RENATE E SI PORTA A +7, FERRETTI TRIS E REGGIANA KO – Riparte subito di slancio, dopo lo stop patito a Gubbio sette giorni prima, il Padova che si aggiudica per 2-1 il big match del girone B con il Renate e riporta a sette le lunghezze di vantaggio sulla formazione di Cevoli: sono Guidone e Contessa a griffare la vittoria dei biancoscudati di Bisoli, mentre Pavan accorcia per i lombardi ma non basta ad evitare il ko all'Euganeo che sa di rivincita dopo il 3-0 dell'andata per il Renate. Con a riposo la Sambenedettese di Eziolino Capuano, terza in classifica nonostante tre pareggi di fila (ai box in questo fine settimana anche la Triestina di Sannino), ha un andamento rocambolesco l'altro confronto diretto nei piani alti, dove la Reggiana targata Eberini dopo 6 vittorie conosce la prima delusione cedendo per 3-2 sul terreno della Feralpisalò: le reti di Altinier e Bovo nel primo tempo illudono gli emiliani, ma nella ripresa si scatena Ferretti, autore di una tripletta in meno di dieci minuti (dal 56′ al 64′) che ribalta tutto, ferma a otto risultati utili la striscia degli avversari e soprattutto spinge i gardesani di Serena sulla terza poltrona a braccetto con la Samb.
 
PARI ALBINOLEFFE, COLPO SANTARCANGELO A PORDENONE -Non ne approfittano tuttavia le altre compagini che ambiscono a recitare un ruolo importante. L'Albinoleffe deve infatti accontentarsi di un pari interno con il Sudtirol, con l'autorete di Mondonico a vanificare il rigore realizzato da Kouko, dopo che il portiere dei locali Coser aveva parato un penalty a Berardocco. Ancor peggio fa il Pordenone, che spreca la possibilità di portarsi al quinto posto cadendo in casa con il Santarcangelo (decide Piccioni a un quarto d'ora dal termine), che lascia così la maglia nera di fanalino di coda al Fano, sconfitto di misura a Bassano (gol vittoria di Minesso dagli 11 metri), alla seconda affermazione di fila. Coglie 3 punti pesanti il Teramo regolando 2-0 il Mestre (marcatori Caidi e Barbuti) e agganciandolo a quota 21.
 
RAVENNA REGGE CON FERMANA, VICENZA A PUNTO A GUBBIO – Sempre a 21 punti ci sono anche il Ravenna, che resiste sul terreno della Fermana, e il Vicenza di Zanini che in un momento delicato (per i mancati pagamenti i giocatori minacciano lo sciopero) strappa un prezioso 1-1 a Gubbio dove Lanini risponde al vantaggio umbro di Marchi dal dischetto.
Girone B, 20/a giornata: Albinoleffe-Sudtirol 1-1, Bassano-Fano 1-0, Feralpisalò-Reggiana 3-2, Fermana-Ravenna 0-0, Gubbio-Vicenza 1-1, Padova-Renate 2-1, Pordenone-Santarcangelo 0-1, Teramo-Mestre 2-0. Riposavano: Sambenedettese e Triestina.
Classifica: Padova 37 punti; Renate 30; Feralpisalò e Sambenedettese 29; Albinoleffe e Reggiana 26; Pordenone, Südtirol e Triestina 25; Fermana 23; Bassano e Gubbio 22; Mestre, Ravenna, Teramo e Vicenza 21; Santarcangelo (-1) 16; Fano 13. Modena escluso dal campionato
 
LECCE DOMINA FRANCAVILLA, CATANIA PASSA A FONDI – Nel girone C prosegue avvincente il duello a distanza tra Lecce e Catania. I giallorossi di Fabio Liverani, dopo aver conquistato il platonico titolo d'inverno, al "Via del Mare" si sbarazzano senza troppi patemi della Virtus Francavilla con il micidiale uno-due di Torromino e Lepore a metà primo tempo, seguito da una doppietta di Caturano a mettere in cassaforte il successo. Rispondono comunque gli etnei con un'affermazione esterna d'autorità sul terreno del Racing Fondi, cliente da prendere con le molle per tutti: le reti di Fornito, Curiale e Ripa lanciano gli uomini di Cristiano Lucarelli (per i laziali gol della bandiera di Galasso) che si mantengono a tre punti di distacco dai salentini.
 
SIRACUSA-TRAPANI 2-2, REGGINA CROLLA IN CASA CON RENDE – Pareggio ricco di gol nel derby siciliano tra Siracusa e Trapani che lascia invariate le distanze tra quarta e terza: aretusei avanti con l'autorete di Visconti, poi una doppietta di Murano vale il 2-1 per i granata di Calori, raggiunti però da Scardina. A quota 28 si forma un plotoncino di quattro compagini, composto oltre alla Virtus Francavilla da Matera, Juve Stabia e Rende. La squadra di Auteri, risalita dopo una falsa partenza, torna con un punto dalla trasferta ad Agrigento nell'anticipo di venerdì: Sepe illude l'Akragas, sempre più ultimo, ripreso però da Giovinco junior su rigore dopo che lo stesso giocatore ne aveva fallito uno nel primo tempo. Legittimano le loro ambizioni play-off le Vespe rifilando tre schiaffi alla Fidelis Andria con le marcature di Canotto, Paponi dagli 11 metri e Simeri. Dal canto suo si regala davvero un bel Natale il Rende, andando a sbancare il "Granillo" con un perentorio 3-0: Franco, Rossini e Laaribi affondano la Reggina e dopo la quarta sconfitta consecutiva è meno salda la panchina di Maurizi, allontanato per proteste dopo il vantaggio degli avversari. Avanzano in classifica anche Cosenza e Bisceglie: i lupi silani si aggiudicano con i gol di Tutino e Bruccini il testa a testa con il Monopoli, mentre la formazione pugliese supera per 3-1 la Paganese con le segnature di Petta, Delvino e Montinaro, con Scarpa ad accorciare per i campani.
 
CASERTANA RITROVA IL SUCCESSO: STOP AL CATANZARO – Paganese che nella zona calda della classifica si vede scavalcata dalla Casertana, che ritrova il successo, quanto mai prezioso per cercare di tirarsi fuori dalle secche, piegando 2-1 il Catanzaro, in settimana penalizzato di un punto per gli emolumenti non pagati in tempo lo scorso giugno ma prosciolto dal Tribunale Nazionale Federale in merito alla presunta combine con l'Avellino nell'ambito dell'inchiesta Money Gate: a regalare 3 punti pesanti agli uomini di D'Angelo (rimasti in dieci a metà ripresa per l'espulsione di Alfageme) sono Turchetta e D'Anna dopo il momentaneo pari di Falcone.
Girone C, 20/a giornata: Akragas-Matera 1-1, Bisceglie-Paganese 3-1, Casertana-CatanzaroOAS_RICH(‘Bottom’); 2-1, Cosenza-Monopoli 2-0, Juve Stabia-Fidelis Andria 3-0, Lecce-Virtus Francavilla 4-0, Racing Fondi-Catania 1-3, Reggina-Rende 0-3, Siracusa-Trapani 2-2. Riposa: Sicula Leonzio.
Classifica: Lecce 44 punti; Catania 41; Trapani 36; Siracusa 32; Juve Stabia, Matera(-2), Rende e Virtus Francavilla 28; Bisceglie e Cosenza 26; Catanzaro (-1) 24; Monopoli 23; Racing Fondi 21; Sicula Leonzio 19; Casertana e Reggina 18; Paganese 16; Fidelis Andria (-1) 15; Akragas (-3) 10.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*