Pensioni, Boeri a Gr1: “ Entro l'anno pagheremo gli arretrati Ape social“

0

“Nel caso di persone che hanno diritto all’accesso all’Ape sociale con decorrenza da maggio si tratterebbe di un arretrato di otto mesi. Chi ha decorrenze più recenti si troverà un arretrato per un numero minore di mesi”

Condividi

06 dicembre 2017L’Inps sta “facendo di tutto” per pagare gli arretrati sull’Ape social, in vigore da maggio, entro dicembre. Lo dice il presidente dell’Inps, Tito Boeri in un’intervista al Gr1. “Noi stiamo facendo di tutto  – ha detto  – per riuscire a pagare gli arretrati ad una buona parte di coloro che hanno diritto a questi trattamenti entro il 2017. Quindi nel mese di dicembre dovremmo riuscire a pagare una buona parte degli arretrati a buona parte di coloro che hanno il diritto di ricevere il trattamento per l’Ape social”.  Nel caso di persone che hanno diritto all’accesso all’Ape sociale con decorrenza da maggio – ha aggiunto -” si tratterebbe di un arretrato di otto mesi. Chi ha decorrenze più recenti si troverà un arretrato per un numero minore di mesi”. 

Età pensionamento effettiva 3 anni meno media Ocse
 “Quando l’Ocse dice che l’età effettiva di pensionamento in Italia è di 62 anni, significa che tutte le possibilità che vengono date dalla normativa per andare in pensione prima del raggiungimento dell’età pensionabile, vengono ampiamente utilizzate e quindi effettivamente in Italia, mediamente, si va in pensione a 62 anni. Sono ancora tre anni in meno della media Ocse. Quello che bisogna capire è che quando si dice che si ritarda la pensione per adeguarla all’allungamento della vita di 5 mesi,  è come se noi passassimo da 62 anni a 62 anni e 5 mesi. Questo è quello che avviene per la media degli italiani”. Così il presidente dell’Inps Tito Boeri in un’intervista esclusiva al Giornale Radio Rai. 

[ Fonte articolo: Rai News ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*