Dramma a Torino, operaio precipita e muore davanti alla Mole Antonelliana

0
Il 48enne morto cadendo da unimpalcatura in via Riberi, da unaltezza di circa 4 metri. Avrebbe ceduto il tetto durante la ristrutturazione del palazzo. Ieri tre feriti gravi nel giorno del decennale dalla strage alla Thyssen.
Dramma a Torino, operaio precipita e muore davanti alla Mole Antonelliana

Altra tragedia sul lavoro aTorino,dopo i feriti gravi di ieri, allindomani della commemorazione dei 10 anni della drammatica vicenda della Thyssen-Krupp. Un operaio di 48 anni morto nel pomeriggio dopo essere precipitato da unimpalcatura invia Riberi 6, a due passi dallaMole Antonelliana. Ha battuto il capo contro un massetto in cemento dopo un volo di quattro metri e lurto gli stato fatale: lintervento immediato dei vigili del fuoco e di unambulanza stato inutile, visto che loperaio deceduto sul colpo.Sul posto arrivata anche la la polizia e gli ispettori dello Spresal dellAsl, a cui competono le indagini sullaccaduto. Da una prima analisi, sembrerebbe che il tetto del palazzo sia ceduto all’improvviso sotto i piedi delluomo.

googletag.cmd.push(function () { googletag.display(“div-banner-8”); });

Uno stabile in passato occupato dagli anarchici e divenuto oggetto di una controversia per la ristrutturazione iniziale, che prevedeva un palazzo di sei osette piani, e che avrebbe parzialmente oscurato la MoleAntonelliana, simbolo della capoluogo piemontese. Lidea sarebbe stata osteggiata dal comitatoSalviamo la Mole e alla fine fu abbandonata perch fu imposto anche lo stop dalMinistero della Soprintendenza. La zona, infatti, vincolata dal 1995 a un Piano Regolatore e, con esso, a una serie di limiti riguardanti ledificazione in questarea: eventuali ristrutturazioni e riconversioni devono tenere conto dellarchitettura preesistente. Nel giugno dello scorso anno l’edificio diventato di propriet della Holding 18, che per ristrutturarlo aveva anche indetto un workshop in collaborazione con il Politecnico di Torino.

[ Fonte articolo: Fanpage ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*