Dating online, per gli italiani oltre un’ora al giorno

0

Secondo un’indagine della piattaforma C-Date l’inverno è la stagione più calda per gli incontri casuali, con un’impennata del 15% negli accessi. La ricerca di nuovi partner in particolare in pausa pranzo e dopo le 23

I MESI freddi sono in assoluto quelli del desiderio e della seduzione. Offline e online. Lo svela un’indagine dell’Università Ludwig-Maximilians di Monaco che ha analizzato nel corso di un anno i comportamenti relazionali di un campione di europei single, uomini e donne, di età compresa fra i 20 e i 60 anni. La sentenza è inequivocabile: più della primavera e dell’estate, è proprio l’inverno la stagione in cui il desiderio si manifesta in modo più forte. I ricercatori hanno scoperto che nei mesi freddi le attività del lobo frontale destro del cervello (quelle dove albergano i sentimenti più spiacevoli come la paura e l’aggressività) tendono a calare, mentre quelle del lobo sinistro, legate alla soddisfazione del desiderio e alla ricerca del piacere sono maggiormente vivaci.

Un’indagine di C-Date, uno dei siti europei più popolari per il cosiddetto casual dating, si allinea – ovviamente in modo diverso e con una valenza differente – a queste scoperte. Nelle prime tre settimane di novembre gli accessi al portale sono saliti del 15% in molti Paesi d’Europa. In testa l’Italia, seguita da Germania e Francia. Secondo la piattaforma in questo periodo la crescita di pulsione sessuale si manifesta, appunto, con la ricerca di un maggior numero di incontri con potenziali nuovi partner (+24% dei casi) ma anche con la crescita del tempo che le persone passano a flirtare online, impennato del 35%. Oltre C-Date – che dichiara più di 10mila flirt giornalieri e 25mila nuovi utenti al giorno – le applicazioni non mancano. Ma occhio alla sicurezza.

In Italia il tempo trascorso a tramare appuntamenti è notevole: 84 minuti al giorno passati a flirtare online e cercare nuovi incontri. In particolare fra mezzogiorno e le due di pomeriggio e dopo le 23. In pausa pranzo, insomma, e di sera, sul divano. Ma non si salva neanche l’orario di lavoro, dal momento che sono in tanti a rimanere online a scambiarsi messaggi: il 26% dei single (o di coloro che perlomeno si dichiarano tali) lo fa già dal mattino tra le 9 e le 11 e un altro 17% il pomeriggio tra le 17 e le 19. Gli incontri veri e propri,OAS_RICH(‘Bottom’); fuori dal web, avvengono invece dopo le 21 (72%). Tuttavia non sono pochi gi utenti che confessano di aver incontrato un nuovo partner almeno una volta tra mezzogiorno e le 15 (36%) e di aver consumato un rapporto amoroso in pausa pranzo, al posto della solita insalata mista o di un panino veloce.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*