Il programma della Maker Faire 2017

0

“Maker Faire Rome – The European Edition 4.0” sarà alla Fiera di Roma dall’1 al 3 dicembre: sette padiglioni a tema per oltre 100mila mq di esposizione per toccare con mano la rivoluzione digitale.

Torna, con numeri sempre più interessanti e attrazioni sorprendenti, l’ appuntamento con “Maker Faire Rome – The European Edition 4.0”, manifestazione giunta alla sua quinta edizione.

 

Uno dei più grandi eventi europei sull’innovazione e sull’impresa 4.0 si svolgerà dall’1 al 3 dicembre 2017 presso la Fiera di Roma. Con 7 padiglioni a disposizione (uno in più rispetto allo scorso anno) per oltre 100mila mq di estensione, Maker Faire Rome si conferma la fiera dove prende forma la rivoluzione digitale, il luogo della ribalta dedicato alle famiglie, ai bambini e a tutti gli appassionati di innovazione, ma anche il format consolidato per le aziende e gli innovatori di professione che utilizzano la cultura digitale come mezzo per affrontare le nuove sfide dei mercati.

 

il tema dell’impresa 4.0. Con l’approccio pratico e il linguaggio chiaro che la contraddistingue, Maker Faire Rome intende aiutare il pubblico (composto in buona misura anche da professionisti e imprenditori) a comprendere l’argomento attraverso esempi, simulazioni reali, testimonianze (workshop e seminari). L’obiettivo è quello di guidare i visitatori all’interno di un processo produttivo, possibilmente in funzione, che mostri come il flusso delle informazioni porti intelligenza ed efficienza al processo stesso, dalla produzione alla logistica, dalla supply chain alla sicurezza, dall’energia fino alla personalizzazione del prodotto stesso.

 

Tanti, attuali e coinvolgenti gli altri temi della quinta edizione. Si va dall’Internet delle cose alla manifattura digitale fino all’agricoltura 4.0, passando per il cibo del futuro alla sensoristica; mobilità smart, riciclo e riuso, edilizia sostenibile; robotica; realtà virtuale e aumentata, salute e benessere; scienza e biotecnologie.

 

Per i visitatori Maker Faire Rome è un’occasione irripetibile di interagire – in anteprima – con le innovazioni che cambieranno in meglio la nostra vita mentre per maker, imprenditori, startupper e imprenditori medi, piccoli e piccolissimi è il momento per confrontarsi con realtà internazionali affermate che hanno scelto l’evento come piattaforma di lancio per i loro prodotti e innovazioni e per fare scouting di nuovi talenti.

 

Anche nell’edizione 2017, ben 10mila mq di attività ed espositori saranno dedicati a bambini e ragazzi dai 4 ai 15 anni organizzati nell’apposita Area Kids (padiglione 4).

 

PROGRAMMA E CONTENUTI. La quinta edizione di “Maker Faire Rome” parte con l’Educational Day. Venerdì 1 dicembre, dalle 9 alle 13, avrà luogo la tradizionale mattinata di formazione gratuita dedicata alla visita delle scolaresche – sono attesi 25mila studenti – prima dell’apertura al pubblico, per vedere da vicino tutte le invenzioni create dai makers.

 

Sempre venerdì, alle 11,30, anche in live streaming, si terrà l’Opening Event della quinta edizione dal titolo “The Future in the Making”. Ogni giorno centinaia d’innovazioni cambiano il nostro modo di vivere, produrre e rapportarci con gli altri. Un “futuro in costruzione” che sarà raccontato con l’aiuto di ospiti d’eccezione provenienti da tutto il mondo e presentati dal giornalista Alessio Jacona, conduttore delle conferenze.

 

Il pomeriggio, dalle 14, “Maker Faire Rome – The European Edition 4.0” si apre al grande pubblico fino a domenica 3 dicembre. Da non perdere la conferenza “Make and inspire” di venerdì pomeriggio. Quando la creatività dei makers si incontra con la capacità narrativa degli youtuber, un nuovo tipo di racconto prende vita: per capire quale, non perdetevi le testimonianze di tre famosi youtuber quali Laura Kampf, Rulof McGyver e Giaco Whatever.

 

Sabato 2 dicembre, alle 14,30, si terrà “Robots: what’s next?” una conferenza sulla robotica durante la quale verrà presentato il libro “I robot e noi” scritto da Maria Chiara Carrozza, scienziata ed ex ministro dell’Istruzione. Seguirà un dibattito sui temi etici e sociali legati al mondo dei robot e verranno presentate alcune eccellenze della robotica italiana nel mondo. La conferenza sul cibo, dal titolo “Agrifood: make, hack or tech?”, si svolgerà, invece, domenica 3 dicembre a partire dalle 11,30.

Un’immagine dall’edizione 2016. | Maker Faire Rome

<!–

 

–>

Le attrazioni da non perdere

Alta formazione e grandi attrazioni ci saranno anche negli stand dei partner della manifestazione che contribuiscono ad arricchire con contenuti di alta qualità l’evento Maker Faire.

 

Lo spazio espositivo di Eni chiamato “Innovation for Energy”, ad esempio, è una grande area che mostrerà al pubblico l’applicazione di tecnologie digitali innovative per l’addestramento del personale e le loro possibili evoluzioni nell’ambito di salute e sicurezza dei lavoratori e per la gestione impianti.

 

Due le tematiche principali dello spazio: la prima è l’OTS – Operator Training Simulator. Un sistema che permette di addestrare gli operatori d’impianto in maniera immersiva e collaborativa. Le persone indossano caschetti 3D ad alta risoluzione che simulano il contesto industriale per apprendere le procedure operative di gestione degli impianti e delle eventuali situazioni critiche. Il pubblico potrà vivere in prima persona l’esperienza di camminare ed interagire con un vero impianto Eni fedelmente riprodotto in 3D.

Un’immagine dall’edizione 2016. | Maker Faire Rome

<!–

 

–>

La seconda tematica è sulla “Salute e Sicurezza aumentate” dove verranno presentati alcuni prototipi realizzati in collaborazione con il Massachusetts Institute of Technology (MIT).

 

Alla Maker Faire Arrow Electronics, società tecnologica globale che fornisce prodotti e soluzioni per l’innovazione, organizzerà una serie di lezioni tecniche, colloqui di consulenza, dimostrazioni pratiche di nuove tecnologie. Sarà presente anche il Chief digital officer, Matt Anderson che terrà una presentazione ad hoc.

 

Arrow Eletronics presenterà anche la piattaforma globale per il supporto agli imprenditori che desiderano portare le loro idee dal concepimento iniziale al mercato (realizzata con Indiegogo). Si tratta di un rivoluzionario servizio crowdfund-to-production, destinato ad accelerare il ritmo di innovazione per i produttori che operano nell’ambito della tecnologia e dell’IoT (Internet of Things). Ulteriori presentazioni saranno tenute ogni 30 minuti nello speaker corner dello stand (padiglione 7). Le dimostrazioni riguarderanno settori quali l’IoT, l’imaging e il rilevamento, la stampa in 3D e la comunicazione wireless.

 

Nello stand Unidata, ci sarà la presentazione della tecnologia “LoRa”, volta a rendere l’Internet of Things (IoT) una realtà concreta. Unidata ospiterà anche le sei start-up selezionate nell’ambito dell’Open innovation challenge lanciato dalla Regione Lazio, attraverso la società in house Lazio Innova. L’iniziativa, in collaborazione con Unindustria, è stata concepita per favorire l’incontro fra domanda e offerta di innovazione.

 

Leroy Merlin, all’interno di uno stand di 80 mq, ha organizzato incontri con la creatività dei designer coinvolti nel progetto Design Lab, che ambisce a progettare prodotti originali, unici e facili da realizzare a partire da materiali semplici. I visitatori potranno, inoltre, conoscere l’offerta di prodotti innovativi legati al mondo della domotica pensati per una casa smart e connessa, accanto a quelli del reparto utensileria, particolarmente adatti a supportare il lavoro dei maker e si potrà partecipare a otto diversi corsi fai-da-te rivolti ai bambini dai 6 ai 10 anni per avvicinarli alla filosofia del “fai da te”.

<!–

 

–>

Si potrà poi vedere e toccare con mano, grazie alla collaborazione con ACI, il prototipo di formula E che sarà protagonista dell’E-Prix 2018, la tappa italiana del campionato di Formula E prevista a Roma. Un bolide con motore elettrico che sfreccerà, il prossimo aprile, per le strade del quartiere Eur. Meno veloci ma non meno divertenti saranno i kart elettrici che tutti i ragazzi potranno guidare, sponsorizzati da ACI, su un’apposita pista all’interno della Maker Faire.

 

Un grande stand sarà, poi, allestito dall’Aeronautica Militare con attrazioni e simulazioni imperdibili. Ci sarà, novità di quest’anno, una grande area dedicata alla robotica, uno spazio di ben 400 mq con le migliori eccellenze della robotica italiana elaborati da ricercatori e team delle più prestigiose università italiane tra cui la Sant’Anna di Pisa, La Sapienza di Roma, la Federico II di Napoli, l’ateneo di Siena e l’Università di Bologna.

Un’immagine dall’edizione 2016. | Maker Faire Rome

<!–

 

–>

A grande richiesta torna “The House of Drones”, dove appassionati e non, grandi e piccini, potranno dilettarsi con tantissime esibizioni, dimostrazioni di volo acrobatico, coreografie, ma anche assistere a mini-conferenze con professionisti del settore.

 

Saranno presenti i piloti di Fpv Racing selezionati fra i migliori in Italia e in Europa, nomi illustri come Giuseppe Rinaldi, Lorenzo “Bramo” e Luisa Rizzo, una ragazza di 15 anni che è davvero un talento di questo sport. Sarà inoltre presente, con i suoi workshop, l’avvocato Giovan Battista Gallus, tra i massimi esperti italiani della materia.

 

Verranno, inoltre, scelti a caso tra il pubblico giovani e giovanissimi per il “battesimo” del drone e gli spettatori, dagli spalti, potranno guardare direttamente negli occhiali dei piloti grazie a diversi monitor posizionati ai lati della voliera.

Un’immagine dall’edizione 2016. | Maker Faire Rome

<!–

 

–>

Per la Maker Faire l’IIT, Istituto Italiano di Tecnologia, ha ideato un corso di robotica gratuito su iCub (un piccolo robot, alto 1,04 metri e con un peso di circa 25 kg, creato da un team di ricercatori dell’IIT) che si terrà sabato 2 e domenica 3 dicembre dalle 10,30 alle 18,30. I ricercatori della ICub Facility e del dipartimento di Robotics, Brain and Cognitive Sciences di IIT guideranno i partecipanti alla programmazione della testa del robot umanoide iCub. Da non perdere!.

 

Molto ampia e variegata l’offerta formativa della Maker Faire Rome 2017. Ci saranno infatti, nel corso dei tre giorni di fiera, decine di corsi, rivolti in particolare ad artigiani e Pmi, su temi come la stampa 3D, lavorazioni di fresatura e laser, la manifattura robotica o la modellazione  tridimensionale sugli  strumenti  di  disegno  per  la  digitalizzazione  di prodotti e processi fino alla progettazione e fabbricazione digitale per il settore moda.

 

Sarà presente, con un proprio spazio espositivo, anche Unioncamere che spiegherà il ruolo delle Camere di commercio italiane a supporto della digitalizzazione delle imprese: grazie ai PID, i Punti d’Impresa Digitale, localizzati presso le varie CCIAA e che offriranno la diffusione della conoscenza di base sulle tecnologie in ambito Impresa 4.0.

Un’immagine dall’edizione 2016. | Maker Faire Rome

<!–

 

–>

AREA FOOD E AGRICOLTURA 4.0. Uno spazio importante è dedicato, quest’anno, al cibo del futuro e al tema dell’agricoltura 4.0. I “Food Makers” stanno rivoluzionando il mondo del food “From Farm to Fork”: agricoltura digitale, food design, mindful eating, smart kitchen, cibi dai “super poteri”, e soprattutto, alcune tematiche che impattano quotidianamente sulla vita della comunità saranno trattate con grande attenzione come la valorizzazione del food waste e la food safety.

 

L’area espositiva sarà quindi caratterizzata da attrazioni e installazioni, talks e workshop, in collaborazione con partner tecnico-scientifici e imprese altamente innovative, come:

 

Neuro Food Lab – Thimus, Future Food e alcuni esperti di meccatronica lavoreranno sulla correlazione “cervello-stomaco” e la nutrizione personalizzata, sviluppando un sistema di neuro analisi e devices.

 

Food 3D Printing – PancakeBot darà la possibilità ai visitatori di presentarsi allo stand con un proprio disegno in 2D e poter così stampare un pancake con l’immagine prescelta.

 

Food Alchemy – Un open lab che metterà in evidenza la potenza del cibo e degli alimenti fermentati per la salute dell’uomo.

 

Tra le novità di questa edizione l’area Rural Hack concepita come un luogo d’incontro tra i visitatori, la tecnologia e l’agricoltura e studiata per creare ponti tra hackers e comunità, tra ricerca accademica e piccole e medie imprese agricole, attraverso approcci immediatamente comprensibili e tecnologie economicamente sostenibili. Un luogo dove imparare facilmente, soprattutto per i piccoli agricoltori, a usare la tecnologia per migliorare i processi produttivi nelle proprie aziende.

Un’immagine dall’edizione 2016. | Maker Faire Rome

<!–

 

–>

AREA KIDS. La quinta edizione di Maker Faire Rome riserva ampio spazio ai piccoli innovatori dedicandogli uno spazio di 10mila mq, un’area curata da Codemotion Kids!. L’aspetto educational è fondamentale ed è strutturato per offrire a bambini e ragazzi, dai 4 ai 15 anni, la possibilità di sperimentare l’aspetto ludico e creativo dell’innovazione in spazi sempre più ampi e creativi.

 

All’interno del padiglione 4, l’Area Kids offrirà ai piccoli avventori e alle loro famiglie tantissimo intrattenimento tecnologico all’insegna del coding, dell’elettronica, del making e della robotica.

Nello specifico, dieci isole didattiche vedranno i piccoli partecipanti protagonisti di tante avvincenti sfide, mentre gli spazi fablab consentiranno loro di calarsi nei panni di veri maker lavorando con gli strumenti del mestiere.

 

Special feature di questa edizione, una grande area Open Lab in cui i piccoli inventori potranno scoprire tutti i segreti della tecnologia. E ancora, show scientifici e tante attrazioni costelleranno l’intera area. L’Area Kids è studiata per accogliere al meglio i giovani innovatori, senza escludere i loro accompagnatori che, in molti casi, potranno assistere alle esperienze didattiche dei ragazzi e divertirsi insieme a loro.

 

In particolare, poi, l’area Kids Future Food, domenica 3 dicembre, si animerà di tre workshop dedicati ai ragazzi dai 6 ai 12 anni:

La scienza in cucina; Food Waste: contro lo spreco… il Salvacibo!; Superfoods for Super Heroes

 

Ci sarà poi anche l’area Maker Music, realizzata in collaborazione Trenitalia, dove protagonista sarà il mock up del nuovo treno regionale “Rock”. Inoltre, tra le varie attrazioni musicali, sarà possibile ammirare un guanto che trasforma in note ogni cosa che tocca e non mancheranno laboratori didattici per bambini e performance interattive e musicali e in realtà virtuale elaborate da artisti digitali.

 

Accanto agli stand, Maker Faire offrirà ai visitatori l’opportunità di fare shopping nel Maker Store. Gestito da Arduino, la piattaforma elettronica open-source leader della community e del mercato maker, lo store sarà in grado di soddisfare i gusti e le tasche dei maker di ogni età. In vista del Natale, saranno in vendita giochi educativi per bambini e bambine, droni, robot, kit di elettronica per principianti e esperti, oltre naturalmente a offerte speciali per i prodotti Arduino. Saranno disponibili inoltre le ultime arrivate della famiglia Arduino e un esclusivo kit wearable interattivo, che potrà essere assemblato nello store coll’assistenza del team Arduino.

 

“Maker Faire Rome – The European dition 4.0” (www.makerfairerome.eu) è una manifestazione promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera. Un evento di portata internazionale che fa convergere sulla Capitale il meglio dell’innovazione da tutto il mondo.

[ Fonte articolo: Focus ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*