Mondiali 2018, playoff: tripletta di Eriksen schianta l’Irlanda, la Danimarca vola in Russia

0

Il fuoriclasse del Tottenham consente alla nazionale di Hareide di vincere in scioltezza a Dublino. I padroni di casa si illudono dopo l'iniziale gol di Duffy poi crollano. Un autogol di Christie e un rigore di Bendtner fissano il punteggio sull'1-5. Amichevoli: crolla l'Argentina, pari pirotecnici tra Germania e Francia e tra Russia e Spagna

DUBLINO – E’ la Danimarca l’ultima formazione europea a guadagnare il pass per i Mondiali. Dopo lo 0-0 in casa, la squadra di Hareide travolge (1-5) l’Irlanda a Dublino nel ritorno dell’ultimo playoff Uefa in programma e vola con merito in Russia, riscattando, così, l’eliminazione nelle qualificazioni a Brasile 2010. La formazione di Martin O’Neill si è illusa, passando subito in vantaggio con Duffy ma poi si è vista costretta a soccombere al cospetto di una squadra che ha confermato di avere qualcosa in più sotto il profilo tecnico e tattico.

DUFFY ILLUDE L’IRLANDA, UN AUTOGOL DI CHRISTIE LA RIPORTA IN TERRA – L’Irlanda sblocca subito il risultato (6’): Jorgensen alza in area una punizione-cross dalla trequarti di Brady e consente a Duffy di battere di testa in anticipo Schmeichel in uscita. La Danimarca reagisce di rabbia e impegna severamente per due volte Randolph con Kvist e Sisto. L’Eire non resta a guardare e va vicina al raddoppio con Murphy e McClean. Il gol è nell’aria e, alla fine, lo segnano gli ospiti (29’): su un cross di Sisto, Christensen gira il pallone di sinistro sul palo; la palla carambola addosso al corpo di Christie e finisce in rete.

ERIKSEN, TRIPLETTA DA SOGNO – Sulle ali dell’entusiasmo, la Danimarca insiste e, 3’ dopo, ribalta la situazione in contropiede: Jorgensen serve al limite Eriksen che con un gran destro di prima intenzione infila il pallone sotto la traversa. L’Irlanda accusa il colpo e stenta a riorganizzarsi. L’unico a impegnare Schmeichel è Duffy sugli sviluppi di un altro calcio piazzato. Troppo poco contro una Danimarca ispirata che, dopo aver mandato un’altra avvisaglia a Randolph con Sisto, chiude i giochi al 63’: l’1-3 lo firma ancora Eriksen con un perfetto sinistro a giro a fil di palo su assist dello scatenato Sisto. Non pago, il talento del Tottenham concede il tris al 73’: raccoglie una corta respinta di Ward e infila il pallone col destro sotto l’incrocio. La Danimarca insiste e al 90’ segna anche l’1-5 con l’ex juventino Bendtner che si procura (fallo di McClean) e trasforma un calcio di rigore. Per l’Irlanda sfuma, così, definitivamente il sogno di tornare a disputare, dopo 16 anni, la fase finale dei Mondiali.

LA NIGERIA SORPRENDE L’ARGENTINA – Nel resto del mondo si sono disputate diverse amichevoli. Il risultato più sorprendente si è registrato a Krasnodar, in Russia dove l’Argentina, senza Messi ma con Dybala titolare, si è fatta rimontare da 2-0 a 2-4 dalla Nigeria. La Seleccion ha segnato due gol in 9’ con l’ex interista Banega su punizione e con Aguero (36’) poi si è fatta sorprendere dalla reazione degli africani che, dopo aver accorciato il risultato prima dell’intervallo su punizione con Iheanacho, hanno ribaltato la situazione nella ripresa con Iwobi (52’ e 73’) e Idowu (54’). I due big-match della serata sono finiti 2-2. La Germania a Colonia si è salvata in pieno recupero (93’) contro la Francia, due volte avanti grazie a Lacazette, autore di una doppietta (33’ e 71’). I tedeschi hanno rimontato prima con Werner (56’). E poi (93’) con Stindl. L’altro atteso big-match della serata, quello tra Inghilterra e Brasile è, invece, terminato con un nulla di fatto (0-0).

PARI DELLA SPAGNA IN RUSSIA – Pirotecnico 3-3 a San Pietroburgo fra Russia e Spagna. Col milanista Suso alla prima da titolare (dopo l’intervallo lascera’ il posto a Callejon), le Furie Rosse hanno sbloccato la gara già dopo 9’ con Jordi Alba. Il raddoppio lo ha firmato al 35′ Sergio Ramos su rigore (tocco col braccio del Kuzyaev)OAS_RICH(‘Bottom’); ma la Russia prima ha accorciato le distanze con Smolov (41′) e poi ha trovato il pari con Miranchuk (51′). Ma e’ una gioia che è dura appena un paio di minuti: trattenuta in area ai danni di Ramos che dal dischetto ha concesso il bis. A 20′ dalla fine, pero’, ecco il pari russo ancora firmato da Smolov con un gran destro sotto la traversa. Tra le altre gare, eclatante vittoria (0-3) dell’Olanda in Romania grazie alle reti di Depay, Babel e de Jong.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*