I rischi dell’infedeltà prolungata in caso di separazione

0
/pictures/2015/12/10/i-rischi-dell-infedelta-prolungata-in-caso-di-separazione-1104469033[988]x[412]780x325.jpeg

Cosa succede se ci si separa ma si è avuto negli ultimi anni una relazione extraconiugale scoperta dal coniuge

Infedeltà prolungata rischi

Vi scrivo per avere informazioni circa una separazione senza figli. A che cosa vado incontro se mia moglie venisse a scoprire che ho una relazione da più di tre anni?

Le prove del tradimento coniugale che si possono portare in tribunale

Gentile Signore,

innanzitutto le preciso che la violazione del dovere di fedeltà coniugale può essere motivo di addebito della separazione qualora la stessa sia stata determinante la fine del rapporto matrimoniale, rendendo così intollerabile la prosecuzione della convivenza tra le parti. In altre parole, tale circostanza potrà essere fatta valere, in sede di un eventuale giudizio di separazione, soltanto nel caso in cui alla scoperta del tradimento da parte del coniuge non sia seguita una riconciliazione oppure qualora non sia stata in realtà indice di una crisi coniugale già dichiaratamente in atto.
Ad ogni modo, l’addebito della separazione, se pronunciato in sentenza, comporta il venir meno del diritto all’assegno di mantenimento per il partner a cui sia stata attribuita la colpa della rottura coniugale (il quale tuttavia continua a conservare il solo diritto agli alimenti laddove ne ricorressero i presupposti), nonché la perdita per lo stesso dei diritti successori sull’altro.
Per quanto riguarda l’assenza dei figli, la informo che, nel caso in cui lei e sua moglie doveste procedere consensualmente (al di là della scoperta del tradimento da parte sua), è ora possibile evitare il ricorso all’Autorità Giudiziaria, recandosi direttamente avanti all’Ufficiale di Stato Civile, con l’ausilio facoltativo di un legale, così da concludere e sottoscrivere un accordo di separazione personale, con un considerevole risparmio di tempo e costi.  
Diversamente, in caso contrario, resta ferma la possibilità di procedere secondo l’iter ordinario da introdursi con un ricorso di separazione, consensuale o giudiziale, e da presentarsi al Tribunale competente.

Avv. Francesca Oriali

[ Fonte articolo: Pianetadonna ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*