Basket, Nba: LeBron trascina Cleveland, Golden State non si ferma più

0

I Cavs vincono in rimonta al Madison Square Garden con James che sfiora la tripla doppia (23 punti, 12 assist e 9 rimbalzi). Settimo successo di fila, il decimo nelle ultime 11 gare, per i Warriors che battono Orlando grazie a Durant e Green. 14 punti in 27' per Belinelli, ma Atlanta incassa un altro ko. Sconfitti anche i Clippers privi di Gallinari

WASHINGTON – Un super LeBron James trascina Cleveland (7-7) al Madison Square Garden. Finisce 104-101 con i Cavs che rimontano nel finale ben 23 punti in un quarto periodo in cui il Prescelto sfiora la tripla doppia (23 punti, 12 assist e 9 rimbalzi) e litiga con Enes Kanter. Gara divertente nella Grande Mela con Cleveland che parte forte prima di perdersi in difesa sotto i colpi di Hardaway (28 punti) e Kanter (20). I Knicks (7-6) all'intervallo comandano 51-38 grazie un parziale di 15-0 che manda in ginocchio Cleveland. Gli ospiti restano negli spogliatoi e Porzingis e compagni volano sul +23, ma nell'ultima frazione LeBron si prende sulle spalle Cleveland e la riporta sotto a suon di triple. La carica di LeBron sveglia Kyle Korver che firma 19 dei suoi 21 punti nell'ultimo quarto, poi il Prescelto firma il sorpasso a 1'23" con una tripla che zittisce il Madison Square Garden. I liberi di Korver pongono fine a tutte le ostilità in un'ultima frazione in cui Cleveland segna 43 punti.

Basket, Nba: LeBron trascina Cleveland, Golden State non si ferma più

Green e Durant, Golden State vince ancora

GOLDEN STATE NON SI FERMA – Senza Curry, fermo ai box per un problema alla coscia destra, Golden State (11-3) si lascia trascinare da Durant (21 punti), Green (20) e Livingston (16) e batte Orlando (8-6) 110-100. Vittoria schiacciante per i Warriors che porta a casa la settima vittoria consecutiva, la decima nelle ultime undici gare. Il match si decide tutto nel terzo periodo quando i padroni di casa schiacciano il piede sull'acceleratore e piazzano un parziale che vale il +19. Nell'ultimo quarto Orlando cerca la rimonta con Vucevic (20) e Fournier (16), ma i campioni controllano senza troppi affanni.

KO ATLANTA E CLIPPERS – Ko sia gli Atlanta Hawks che i Los Angeles Clippers. Perdono le squadre degli italiani in una notte in cui soltanto Marco Belinelli è sceso in campo, dal momento che Danilo Gallinari è ancora ai box per infortunio. Gli Hawks perdono 106-105 a New Orleans in un match in cui il "Beli", in 27 minuti, mette a referto 14 punti, tre rimbalzi e tre assist, mentre ne fa 22 Bazemore. In doppia cifra anche Cavanaugh (16), Babbit (12), Collins (12), Dedmon (11), Schroder (11), ma non basta per evitare il ko contro in Pelicans che hanno in Moore, Cousins e Miller i trascinatori in termini di punti (rispettivamente 24, 22 e 21). Perdono anche i Clippers con i Sixers che si impongono a Los Angeles per 109-105. Senza il Gallo, Williams (31 punti) e Griffin (29) provano a trascinare i padroni di casa, ma a spuntarla è Philadelphia con Embiid e Covington che mettono a referto 32 e 31 punti e Simmone che ne fa 22.

Basket, Nba: LeBron trascina Cleveland, Golden State non si ferma più

Marco Belinelli

OK MILWAUKEE, LAKERS E MINNESOTA – Nelle altre sfide successo di Milwaukee (7-6) su Memphis (7-6) per 110-103 con un Antetokounmpo straripante (27 punti). L'equilibrio si spezza nel finale con Middleton edOAS_RICH(‘Bottom’); Henson che portano i padroni di casa sul +6 a 2′ dalla sirena. Minnesota (8-5) passa sul parquet degli Utah Jazz (6-8) grazie all'ottima prestazione di Towns (24), Teagu (22) e Butler (21). Vittorie interne per Washington e Portland. I Wizards (8-5) battono Sacramento (3-10) 110-92, i Blazers (7-6) fermano i Denver Nuggets (8-6) per 99-82 interrompendo la striscia di tre W di fila. Chiude il successo esterno dei Lakers (6-8) a Phoenix (5-10) per 100-93 nonosante i 36 punti di Booker.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*