Basket Nba: Golden State vola, Belinelli ancora ko. Lonzo Ball fa meglio di LeBron

0

Sesto successo di fila (e tutti con almeno 15 punti di scarti) per i campioni in carica che superano Philadelphia, altra sconfitta per Atlanta, 15 per l'azzurro. Il rookie dei Lakers diventa il più giovane di sempre a firmare una tripla doppia

NEW YORK – Ennesima sconfitta nella notte Nba per Atlanta, ultima forza a Est (2-11), battuta 113-94 da Washington. Inutile la buona prova di Marco Belinelli, autore di 15 punti in 24' di impiego con 1/1 da due, 4/7 da tre e 1/2 ai liberi. Non conosce sosta invece la marcia di Golden State (10-3), che infila la sesta vittoria di fila (e tutte con almeno 15 punti di scarto, record per la franchigia). A farne le spese questa volta è Philadelphia, che soccombe 135-114 davanti ai 29 punti di Durant, ai 23 di Thompson e ai 22 di Curry. Soffre più del previsto ma rialza la testa anche Cleveland, che espugna il parquet di Dallas 111-104 trascinata dalla doppia doppia di Kevin Love con 29 punti e 14 rimbalzi. Non bastano ai Mavericks i 23 punti di Barnes e i 21 di Smith Jr.

A 20 anni e 15 giorni Lonzo Ball diventa il più giovane giocatore di sempre a realizzare una tripla doppia in Nba (scalzando un certo LeBron James che ci era riuscito nel 2004 a 20 anni e 20 giorni) ma i Lakers si arrendono a Minnesota. Il rookie mette a referto 19 punti con 12 rimbalzi e 13 assist, ma dall'altra parte Antetokounmpo risponde con 33 punti e 15 rimbalzi e regala il successo ai Bucks. Restando a LA non si arresta la crisi dei Clippers (ancora senza Danilo Gallinari), al quinto ko di fila. Los Angeles (5-7) capitola contro New Orleans (111-103) nonostante i 26 punti di Griffin, a cui si aggiungono i 19 di Rivers. In casa Pelicans però la coppia Davis-Cousins non è da meno con 60 punti complessivi. A Ovest vittorie anche per Houston (10-3) e San Antonio (8-5). Harden con una prova da 38 punti e 8 assist prende per mano i Rockets contro Memphis (111-96), mentre gli Spurs hanno vita facile contro Chicago. Top scorer Gasol con 21 punti e 10 rimbalzi.

Altra battuta d'arresto per Minnesota, che scivola sul parquet dei Suns, guidati dai 35 punti di Booker e Warren. Inutili per i Timberwolves i 27 punti di Wiggins e i 25 di Butler. Porzingis rientra e New York torna a sorridere. I Knicks battono senza troppe difficoltà Sacramento 118-91 soprattutto grazie ai 34 punti del lettone, assistito anche da Lee (20) e Kanter (17 punti+13 rimbalzi). Infine, Utah supera Brooklyn 114-106 mentre Denver fa valere il fattore campo contro Orlando (125-107).

RISULTATIOAS_RICH(‘Bottom’); Washington Wizards-Atlanta Hawks 113-94; Golden State Warriors-Philadelphia 76ers 135-114; New Orleans Pelicans-Los Angeles Clippers 111-103; New York Knicks-Sacramento Kings 118-91; Houston Rockets-Memphis Grizzlies 111-96; Dallas Mavericks-Cleveland Cavaliers 104-111; Milwaukee Bucks-Los Angeles Lakers 98-90; San Antonio Spurs-Chicago Bulls 133-94; Denver Nuggets-Orlando Magic 125-107; Phoenix Suns-Minnesota Timberwolves 118-110; Utah Jazz-Brooklyn Nets 114-106.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*