Mondiali 2018, playoff: Croazia travolge Grecia, Svizzera passa in Irlanda del Nord

0

I croati ipotecano la qualificazione imponendosi con un rotondo 4-1 ai danni della nazionale ellenica. Gli elvetici espugnano di misura, grazie a un rigore del milanista Rodriguez, il campo di Belfast. Domenica le gare di ritorno

ROMA – Croazia e Svizzera vedono il traguardo dei Mondiali sempre più vicino. Nelle prime due sfide valide per l’andata dei playoff delle qualificazioni europee a Russia 2018 i croati travolgono la Grecia 4-1 e pongono una seria ipoteca sull’approdo alla prossima rassegna iridata. Gli elvetici, invece, conquistano un prezioso successo esterno (1-0) in casa dell’Irlanda del Nord. Tutto come da pronostico, in una serata che parla decisamente italiano. Sui sei gol messi a segno la metà portano la firma di giocatori che militano nella nostra serie A (Kalinic, che si procura anche un rigore, Perisic e Rodriguez), oltre all’assist decisivo di Strinic.
 
LA CROAZIA CALA IL POKER – La Croazia supera nettamente la Grecia. A Zagabria l’inizio di gara è un monologo dei padroni di casa che schiacciano gli ospiti nella loro metà campo. L’aggressività dei vatreni dà i suoi frutti al 12’, quando Kalinic intercetta il pallone su un errato controllo di Karnezis che lo abbatte in area. Il rigore è netto e Modric, glaciale dal dischetto, sblocca il risultato. Passano appena sei minuti e Kalinic diventa sempre più protagonista, iscrivendo il suo nome sul tabellino dei marcatori: Strinic se ne va sulla sinistra e mette in mezzo, dove l’attaccante del Milan anticipa tutti con un sontuoso colpo di tacco. Priva dello squalificato Manolas, la Grecia mostra continue lacune difensive, ma alla prima occasione buona riapre il match con il colpo di testa vincente di Papastathopoulos sugli sviluppi di calcio d’angolo.
 
L’illusione ellenica di aver invertito l’inerzia della sfida dura pochissimo. La Croazia riprende subito a macinare gioco e firma il tris con Perisic, puntuale a correggere in rete un traversone perfetto di Vrsaljko dalla destra. Sul finire del tempo gli uomini del ct Dalic si vedono negare il poker da un doppio miracolo di Karnezis, prima sulla girata di Kramaric e poi sul tap-in di Kalinic. Il quarto sigillo è solo rimandato e arriva in avvio di ripresa sull’ennesimo ‘suicidio’ difensivo della Grecia. L’improbabile retropassaggio di petto di Stafylidis è preda di Vrsaljko che serve su un piatto d’argento a Kramaric la palla del 4-1. Forte del largo vantaggio, la Croazia si preoccupa soprattutto di controllare e solo nelle battute conclusive la Grecia sfiora di nuovo il gol, quando al 90’ Subasic vola a deviare il colpo di testa di Mitroglou. Agli ellenici servirà un’autentica impresa nella gara di ritorno per approdare a Russia 2018.
 
SVIZZERA CORSARA A BELFAST – La Svizzera passa 1-0 a Belfast e conquista un significativo vantaggio in vista della sfida di Basilea. L’Irlanda del Nord parte forte, ma con il passare dei minuti la Svizzera fa valere la maggiore qualità del proprio palleggio e comanda il gioco, senza però riuscire a sfondare. Al 17’ Seferovic si mostra fin troppo altruista, quando da ottima posizione cerca l’assist per Zuber anziché tirare in porta. L’occasione migliore la nazionale elvetica la costruisce appena un minuto dopo ancora con Seferovic, il cui colpo di testa in tuffo viene respinto da Mc Govern. Gli uomini di Petkovic continuano a fare la gara, ma il muro verde che si erge di fronte all’area nordirlandese resiste.
 
La spinta della Svizzera si fa più intensa a inizio secondo tempo. Il mancino a giro di Shaqiri lambisce l’incrocio dei pali e si perde sul fondo e poco dopo Seferovic non trova laOAS_RICH(‘Bottom’); deviazione sotto porta sul traversone di Dzemaili. E’ il preludio del vantaggio elvetico che arriva grazie a un rigore per un tocco, più di spalla che di braccio, da parte di Evans, valutato falloso dal direttore di gara: dagli undici metri Rodriguez non sbaglia. La squadra di O’Neill fatica a reagire e non va oltre un colpo di testa al 72’ di Magennis che non inquadra lo specchio da posizione favorevole. Per l’Irlanda del Nord la strada è tutta in salita.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*