Apollon-Atalanta 1-1: Zelaya beffa i nerazzurri, qualificazione rimandata

0

Sfuma all'ultimo minuto di recupero l'accesso matematico ai sedicesimi di finale per gli orobici che erano passati in vantaggio nel primo tempo grazie a un rigore di Ilicic. Bergamaschi comunque sempre primi nel girone insieme al Lione

LIMASSOL – Sfuma sul più bello, all'ultimo dei quattro minuti di recupero, la prima vittoria esterna dell'Atalanta della stagione. Tre punti che avrebbero permesso ai bergamaschi una qualificazione matematica con due giornate di anticipo ai sedicesimi di finale di Europa League. E invece il gol di Zelaya che pareggia il rigore trasformato da Ilicic nel primo tempo, rimanda l'appuntamento con la storia per la formazione di Gasperini che comunque mantiene il comando del girone E con 8 punti insieme al Lione (3-0 all'Everton questa sera) con l'Apollon a quota 3 e l'Everton aritmeticamente eliminato con 1 punto.

INIZIO COMPLICATO PER L'ATALANTA – 3-4-1-2 per Gasperini che schiera Petagna e Ilicic in attacco con Kurtic a supporto. In mezzo al campo Freuler e Cristante con Hateboer e Spinazzola esterni. In difesa Palomino, Caldare e Masiello. L'Apollon di schiera col 4-3-3 con Papoulis, Zelaya e Sardinero in attacco. La gara inizia sottotono per i nerazzurri che non rischiano quasi nulla, sono aggressivi come sempre, ma non riescono a creare fluide azioni da gol. Anche grazie allo schieramento tattico dell'Apollon che permette molto poco. Anzi all'8' Alex conclude da fuori mettendo i brividi a Berisha: palla di poco sul fondo.

CI PENSA ILICIC SU RIGORE – Dopo circa venti minuti finalmente l'Atalanta trova le giuste trame di gioco e crea occasioni. Masiello se ne divora una enorme quando defilato nell'area piccola conclude largo col sinistro. Verso la mezz'ora chance per Ilicic ma il suo piatto sinistro termina alto. Al minuto 34 episodio chiave: Alex salta scoordinato e va a contatto in area con Ilicic. Per l'arbitro è rigore e l'ex viola trasforma dal dischetto con estrema precisione. Due belle azioni non concretizzate da Petagna e Hateboer chiudono il primo tempo.

IL PALO FERMA PETAGNA – Nella ripresa l'Atalanta tenta di chiudere i conti ma al 9', sugli sviluppi di un angolo, Petagna di testa coglie un clamoroso palo interno. Ilicic deve uscire per un problema fisico e Gasperini lo rimpiazza con Orsolini che fa così il suo esordio assoluto in Europa. Avgousti invece cambia il positivo Papoulis con Jakolis e successivamente Sardinero con Schembri. E' il momento delle mosse tattiche perché il tecnico orobico decide di rinforzare la corsia di sinistra con l'ingresso di Gosens al posto di Kurtic.

LA BEFFA DI ZELAYA – Alla mezz'ora altra occasione atalantina ma Petagna viene chiuso in angolo. Anche al 34' Hateboer trova il varco giusto in area ma Yuste lo ferma in qualche modo. Un minuto dopo Apollon in attacco: colpo di testa di Jakolis e Berisha alza palla in corner. Al 41' ancora Atalanta: gran colpo di tacco di Petagna per Orsolini e sinistro deviato in angolo da Bruno Vale. I minuti di recupero sono quattro e i nerazzurri sembrano gestire senza problemi il vantaggio. Ma proprio al 49' arriva il pareggio beffa: lancio lungo, Masiello commette l'unico errore della sua partita e lascia scorrere in area un pallone su cui si avventa Zelaya che prolunga la sfera in rete. 1-1 e festa qualificazione rimandata per i bergamaschi.

Apollon-Limassol-Atalanta 1-1 (0-1)
Apollon Limassol (4-3-3): Bruno Vale; Joao Pedro, Alef, Yuste, Vasiliou; Sachetti, Alex (31'st Maglica), Allan; Sardinero (19'st Schembri), Zelaya, Papoulis (13'st Jakolis) In panchina: Kissas, Martinez, Angeli, Stylianou. Allenatore: Avgousti
Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Masiello, Caldara, Palomino; Hateboer,OAS_RICH(‘Bottom’); Cristante (36'st de Roon), Freuler, Spinazzola; Kurtic (25'st Gosens); Petagna, Ilicic (9'st Orsolini) In panchina: Gollini, Toloi, Vido, Castagne. Allenatore: Gasperini
Arbitro: Treimanis (Lettonia)
Reti: 35'st Ilicic (rigore); 48'st Zelaya
Ammoniti: Vassiliou, Sachetti, Ilicic, Hateboer, Berisha
Angoli: 7-1 per l'Atalanta
Recupero: 1′; 4′.

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*