Ophelia, l'uragano prende forza e si dirige verso l'Europa

0
Condividi

13 ottobre 2017L’allarme uragani ‘rimbalza’ insolitamente al di qua dell’oceano con Ophelia, decima tempesta tropicale di stagione nei Caraibi, che in queste ore sta prendendo velocità attraverso l’Atlantico e minaccia di abbattersi in particolare sulle coste occidentali delle isole britanniche: Irlanda, Inghilterra, forse Galles e Scozia.    Il fenomeno  alquanto raro in Europa. Ma ha ormai preso forma come “uragano di categoria 2”, secondo le valutazioni aggiornate degli specialisti Usa del National Hurricane Center di Miami: con pericoli per le terre emerse – e le abitazioni dell’uomo più esposte – in netta crescita rispetto a ieri, quando apparivano minimi se non esclusi del tutto.  

  Ophelia  localizzata attualmente a sud-ovest delle isole portoghesi dell’arcipelago delle Azzorre. E non lascia tranquille neppure le coste di Portogallo e Spagna, dove a memoria d’uomo le perturbazioni atlantiche di grande intensità hanno colpito solo due volte: nel lontano 1842 e, fugacemente, nel 2005. L’allerta più citata nelle ultime ore – per ora senza grande emozione sui media britannici, in verità –  tuttavia quella che riguarda, o potrebbe riguardare nel week end, l’Irlanda prima e il Regno Unito subito dopo. Perlomeno nelle zone occidentali (Londra sostanzialmente esclusa, dunque).    Il giorno X da segnare sul calendario per scrutare il cielo e il mare  domenica, ma le previsioni non possono che variare a seconda del livello d’intensificazione della furia degli elementi nelle prossime ore. Con uno sfondo d’imponderabilità e casualità che, a volerla buttare in letteratura, sembra in qualche modo ricordare l’Ofelia di Shakespeare: vittima delle circostanze nell’esplosione del proprio furore nella trama dell’Amleto.   

Di rischi reali per le popolazioni e gli edifici destinati a trovarsi sulla traiettoria di Ophelia, nei punti di maggior forza dell’uragano, parla fra gli altri la climatologa italiana Marina Baldi, dell’Ibimet-Cnr, secondo la quale c’ da stare in guardia segnatamente domenica sera. Sempre che lo scenario tracciato oggi si confermi poi in termini di “intensità e direzione”.

[ Fonte articolo: Rai News ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*