Tragedia tra Ischia e Procida, morti un sub e una ragazzina

0

Recuperato il corpo di un uomo di 42 anni. Quello della quindicenne individuato, invece, si trova all’interno di una grotta, a dodici metri di profondità

Pomeriggio tragico nel mare che divide Ischia e Procida, all’altezza della cosiddetta Secca delle Formiche.
Due sub, durante l’attività di diving, hanno fatto perdere le loro tracce. Di uno, un uomo di 42 anni, è stato recuperato il cadavere: Antonio Emanato, si tratterebbe di un sub esperto.

Resta dispersa una ragazza di circa quindici anni, di cui sarebbe stato individuato, e non ancora recuperato, il corpo senza vita all’interno di una grotta, a dodici metri di profondità. Sul posto il nucleo sub dei vigili del fuoco e gli uomini del Circomare di Ischia, al comando del tenente di vascello Alessio De Angelis, e gli operatori di alcuni diving.

Da qualche giorno le condizioni meteomarine intorno alle isole sono complicate, i due potrebbero essere rimasti coinvolti dalle correnti forti. “Dopo mareggiate del genere – spiegano gli esperti – l’acqua tende a intorbidirsi, dando meno punti di riferimento ai sub, soprattutto a quelli meno esperti”.

Giorni terribili per Ischia, nella vigilia triste di un Ferragosto di lutti: venerdì scorso nelle acque di Citara aveva perso la vita la giovane Alessia Piatti, trascinata dalla corrente.

Antonio Emanato, 42 anni, era il proprietario

OAS_RICH(‘Middle’);

del "Diving Center Sea Point" di Baia, frazione di Bacoli
Non ancora identificata la giovane donna, forse minorenne, che si è immersa con lui al largo di Ischia, nel tratto di mare della "secca delle Formiche".

I sub dei Vigili del Fuoco, tenteranno a breve una seconda immersione per recuperare il cadavere, con l' appoggio delle unità della Guardia Costiera di Ischia diretta dal tenente di vascello Antonio de Angelis.
 

[ Fonte articolo: Repubblica ]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*